4 0

Zara, Bershka, H&M: tutto quello che ho imparato sullo shopping spendendo soldi che non avevo

Dopo anni di shopping, e nonostante la richiesta di ritornare al baratto, del tipo, tu dammi quel paio di Adidas che io ti do sei carote, questo è quanto è emerso dai miei anni di acquisti alla Serena van der Woodsen, ma un po’ più alla Sereno che costa Troppen:

Zara
Qualcuno dovrebbe ricordarvi di essere nati nei sottoscala di Caracas e che è, quindi, inutile che ci chiediate trecento euro per un cappotto in fibra di tapioca e riso. Una settimana far sono entrato con trenta euro, convinto di potermi permettere una camicia. Risultato? Trenta euro = bellissimo bottone per camicia; che capirei se sponsorizzaste il festival di Cannes o vestiste Maria de Filippi, e invece no: vestite me, capo ultras della sagra della porchetta;

Bershka
Un giorno capirete la netta differenza tra musica di sottofondo e sabato sera sul lungo mare di Gallipoli ad Agosto. Sembra di entrare durante un live di Amici, ma di Garrison nemmeno l’ombra, quindi mi pare il caso di abbassare questo cazzo di volume;

Alcott
Capisco il riutilizzo della plastica e del sintetico, ma ogni volta che entriamo rischiamo un’intossicazione per gas nocivi. Da dove nascono quelle magliette? Dalle bottiglie Ferrarelle? Dai copertoni delle gomme dei trattori? Vorremmo sempre e comunque del vestiario, non gli zigomi di Nina Moric;

Pull & Bear
Forse nemmeno Olga Fernando conosce la vera pronuncia del vostro brand: pullendbiar, pullenbèàar, pucciaennza;

H&M
Nulla da dire sui prezzi ma a questione moda come siamo messi? Cioè, meraviglioso comunque trovare un paio di pantaloni a tredici euro solo che se quello stesso paio li portava Albano quando ancora stava con Romina, anche no;

Tommy Hilfiger
Tommaso, facciamo poco i Gucci e abbassiamo questi minchia di prezzi, ché d’ipotecare casa per un gilet non mi pare proprio il caso;

OVS
Ci avete attratto con quella dea di Bianca Balti che portava le vostre gonne come se fossero stato cucite direttamente sulla sua pelle e ci aspetteremo, quantomeno, un 20% dei suoi risultati: non che, alla fine, assomigliamo più a una salsiccia in stagionatura appesa dal macellaio con un budello di cotone;

Asos
Se i soldi si spendono online, allora non si spendono veramente, vero? Vero??

 

Articolo scritto da Andrea Perticaroli

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!