0 0

Apple Store a Milano: finalmente c’è la data di apertura!

Habemus data. Tutto è (quasi) pronto per l’apertura dell’Apple Store di Piazza Liberty, uno dei più odiati e allo stesso tempo attesi dell’universo.

Secondo quanto si legge su Corriere.it, i lavori sono ormai agli sgoccioli e il negozio del marchio della mela dovrebbe finalmente spalancare le sue porte il 18 luglio.
Questo però non significa che sia tutto rose e fiori, anzi. Sarà ugualmente una corsa contro il tempo, si spera senza intoppi e soprattutto senza ulteriori slittamenti.

Un primo taglio del nastro era stato infatti annunciato già lo scorso dicembre, per poi essere rinviato a febbraio 2018. La scoperta di piccole porzioni di amianto nelle pareti e nelle tubature ha rallentato i lavori, ma ora sembra esserci luce in fondo al tunnel.

Stando a quanto scoperto dal quotidiano, la scelta di dar vita alla cascata sull’agorà (che segna l’apertura delle porte del negozio) di mercoledì non è casuale. L’infrasettimanale, infatti, servirà da rodaggio in vista del grande afflusso previsto per il weekend.
«Così, se in apertura emerge qualche piccolo intoppo, ci sarà tempo per gli aggiustamenti prima del sabato, giorno che attirerà il maggior flusso di persone», si legge.

Il 18 luglio, dunque, dovrebbe svelarsi il Cubo, diciassettesimo store Apple in Italia. Il progetto dell’archistar Norman Foster è abbastanza diverso — ma neanche troppo — dagli altri flagship, pur ricordando per certi aspetti quello disegnato per Istanbul, anche se in versione più scenografica.
Merito delle pareti d’acqua, degli alberi e dei parallelepipedi in vetro che da cascate di giorno si tramuteranno in schermi la sera, per lasciare spazio all’anfiteatro esterno che accoglierà eventi pubblici di vario tipo.

Che il countdown abbia inizio. Poi però tenetevi pronti alle ore di coda.

Credits immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!