3 0

Starbucks raddoppia: dopo Cordusio è quasi ufficiale una seconda apertura a Milano!

Starbucks non lascia, anzi, raddoppia. Mentre i riflettori sono puntati sull’inaugurazione di Piazza Cordusio, il marchio della sirena, zitto zitto, si muove già per conquistare terreno e colonizzare anche un altro punto nevralgico della città: Corso Garibaldi.

Il 6 settembre è la data prevista per l’apertura ufficiale del primo store in Italia della caffetteria più famosa del mondo, che, nel giro di un mese, potrebbe anche concedere il bis.

Secondo quanto si legge su Corriere.it la location individuata è quella in cui oggi c’è un negozio della catena DMail, tra corso Garibaldi e piazza XXV Aprile.
Il legame tra le due cose è presto detto: DMail, già dal 2016, appartiene a Percassi, il gruppo che ha anche l’esclusiva per Starbucks in Italia.

Questa volta si tratterebbe di uno spazio decisamente più piccolo rispetto a quello a ridosso del Duomo, per questo i lavori durerebbero molto meno. I sopralluoghi sono ormai frequenti anche se regna il più assoluto riserbo sui progetti.
Non c’è due senza tre e quindi ecco che si guarda già avanti e per l’esattezza a Malpensa, sempre al posto di DMail. Qui si parla per ora di un accordo preliminare sottoposto a Sea.

Infine, Corriere.it parla di trattative in corso per una sede in Piazza San Fedele, dove c’era il Credito Artigiano. Una scelta, questa, che rappresenterebbe una vera e propria dichiarazione di guerra alla concorrenza, visto che nella stessa piazza si trova il flagship store di Lavazza e poco più in là, in Piazza Liberty e in Via Monte Napoleone, si trovano Nespresso e Illy.

Negli Stati Uniti gli Starbucks sono più dei McDonald’s. Di questo passo da noi saranno più delle pizzerie.

Credits immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!