0 0

Beyoncé chi? Niente Colosseo per la cantante, è già prenotato da Alberto Angela

Le mire espansionistiche di Beyoncé non potevano che essere all’altezza del soprannome Queen Bey.

Dopo aver ottenuto il permesso di girare il video musicale di Apesh**t all’interno del Museo del Louvre, ora la panterona a stelle e strisce brama ardentemente un importante luogo storico-culturale italiano.

beyonce

Parliamo dell’Anfiteatro Flavio – sì dai, il Colosseo – per il quale la performer, secondo quanto riportato dal Messaggero, avrebbe già fatto richiesta. Solo che la cara Beyoncè, #sorrynotsorry, si è sentita rispondere che proprio nella data prescelta, il luogo sarebbe stato occupato da quel figaccione di Alberto Angela.

La cantante americana aveva presentato la richiesta di autorizzazione per la serata a cavallo di sabato 7 e domenica 8 luglio, data perfetta a causa dei mega concerti tenuti insieme a Jay-Z in quel di Milano e Roma.

Sua maestà, però, non aveva fatto i conti con la burocrazia italiana: la richiesta è risultata essere troppo last minute per i tempi di reazione del Colosseo e del Ministero, e poi, l’abbiamo già detto che era occupato? Il buon Alberto stava già girando, ergo, chi arriva prima, meglio alloggia.

ALBERTO ANGELA

Beyoncé però non molla un cazzo, riprendendo le trattative. La direzione del Colosseo fa sapere che bisogna agire con particolare attenzione perché si tratta di «un luogo molto complicato, servono le dovute cautele, e sopralluoghi tecnici per valutare la qualità e l’impatto del progetto». Do you understand, dear? Te capì?

Il fatto che una delle cantanti più ricche e apprezzate del mondo abbia scelto l’arena millenaria come set per il nuovo videoclip, è un’occasione più che ghiotta per il Ministero dei Beni Culturali che già si sfrega le mani. Quale modo migliore per valorizzare ulteriormente il patrimonio storico-artistico della Capitale? Insomma, scheduliamo ragazzi!

Credit immagine copertina

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!