0 0

Ogni posto è buono per abbronzarsi: le turiste che prendono il sole in stazione e sul monumento

Ribadiamo da secoli come l’ottimizzazione dei tempi nel tentativo di ridurre al minimo sprechi e sforzi inutili, sia inconfutabilmente uno dei principi basilari dell’essere Imbruttiti. La notizia che vi riportiamo qui, però, è di quelle che danzano a ritmo di tango tra due poli opposti: tra genialata e giargianata il confine è molto sottile, come testimoniano le poche lettere di differenza.

Quante volte vi è capitato di dover aspettare in una stazione il treno, scusate l’ossimoro, puntualmente in ritardo? C’è chi gioca al telefonino, chi cerca moglie/marito su Tinder, chi commenta con gli amici i like ricevuti («oh raga! raga! Ha messo like alla foto del mio cane! È fatta… vado a comprare i durex») e chi…prende il sole tra un binario e l’altro approfittando dell’arsura! Figa, robe da pazzi.

Il tutto accade a Lecco, dove tre ragazze del nord Europa in attesa del treno per Ravenna, hanno deciso di trasformare la stazione in uno stabilimento balneare. Roba che mancava solo Gerry Calà e partiva subito l’operazione nostalgia Sapore di S…i ricorda ai viaggiatori Trenitalia che il treno partirà con un ritardo di 55 minuti.

Mettetevi nei panni del pendolare tipo italiano che si presenta, nonostante il caldo, alla stazione per prendere il treno che lo porterà verosimilmente a perdere i sensi per colpa dell’aria condizionata guasta. Vedendo le tre belle bionde straiate accanto a sé, subito ipotizzerà di essere morto e che quello sia il paradiso. Un paradiso confortante però, in cui i treni saranno ancora in ritardo.
La scena non è ovviamente passata inosservata con conseguente e immancabile carnevale di foto scattate furtivamente e prontamente caricate su Instagram. 

Curiosità? non è il primo caso di tintarella express andato in onda sugli schermi lecchesi. Alcuni giorni fa una signora ha avuto la grandissima sensibilità di sdraiarsi sul monumento dei caduti per un bagno di sole improvvisato (con consequente e comprensibile linciaggio social). Da elmetto e baionetta a crema solare e ceretta, il passo è breve…

Articolo scritto da Diego Carluccio

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!