0 0

Birra a rischio estinzione: entro 9 anni la “birretta” tra amici potrebbe diventare un’utopia

Se l’allarme sull’inquinamento delle acque fino ad oggi non ha avuto grande seguito, forse questa è la volta buona, anche se di buono ci sarà poco: a rischio c’è la nostra salute, quella del pianeta e, soprattutto, quella della birra.

Sì, perché tra 9 anni il rischio concreto è che alla proposta di «Uè, birretta?» ci si ritrovi a bere una schifosa brodaglia che sa di acqua sporca. L’allarme è stato lanciato da 100 ONG europee tra cui Coalizione «Living Rivers» Italia, cui hanno aderito 20 tra enti e associazioni (Legambiente, Slow Food, TCI e WWF), le quali hanno lanciato la campagna #ProtectWater chiedendo alla Commissione Europea di ribadire l’efficacia della Direttiva Acque che fino ad oggi ha consentito di proteggere fiumi, laghi, torrenti, zone umide e falde acquifere, invitando in particolare gli Stati Membri di applicarla con maggior rigore.

Per capire meglio: oggi il 60% delle acque in Europa non è in buono stato di salute, questo in quanto, si legge nel comunicato della campagna, «gli Stati membri hanno permesso di sovra-sfruttare questa risorsa causando danni permanenti alle ‘fonti’ principali costruendo anche dighe e altre infrastrutture distruttive insieme a un’agricoltura insostenibile».

E di mezzo ci potrebbero andare la nostra salute e pure la sacra birretta, al punto che alcune aziende, tra cui Csupor, Pivovarna Trot e Ground Zero, hanno sottoscritto una dichiarazione congiunta.

Abbiamo quindi due alternative davanti in questi 9 anni: bere birra come dei dannati prima che finisca del tutto, oppure fare in modo che l’acqua non venga sprecata e maltrattata, ad esempio sostenendo la causa.

Perché #savethewater ma soprattutto #savethebeer, che la brodaglia di luppolo non la vuole nessuno!

 

Credit immagine

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!