3 0

In alto i calici: il Milano Wine Festival torna il prossimo weekend in piazza Città di Lombardia

Si fa presto a dire wine tasting. A Milano ormai tutti sanno che il vino fa figo, ma fare finta di sapere qualcosa di vino ancora di più. Per questo gli eventi di degustazione – detti wine tasting giusto per usare qualche inglesismo ad cazzum – riempiono le agende milanesi.

Già, ma come si fa a scegliere l’evento migliore? Beh, la risposta è molto semplice, grazie a un metodo collaudatissimo del quale avrete sicuramente sentito parlare. Quattro parametri da valutare: location, menù, servizio e infine (ovviamente) il conto.

Sperimentiamo subito la nota formula borghesiana con il Milano Wine Festival – realizzato da Arte del Vino e contributi video curati da Il Tempo del Vino – che si terrà da venerdì 9 a domenica 11 novembre presso Piazza Città di Lombardia. Un evento di sicuro interesse.

LOCATION: c’è bisogno di presentarla? Piazza Città di Lombardia è sicuramente suggestiva. La modernità della struttura si sposerà in un abbinamento armonico con la tradizione del vino. E soprattutto: cazzocene se piove. Tanto siamo al coperto. VOTO 9 (per prendere 10 avrebbero dovuto organizzarlo in Galleria con il catering curato da Cracco in persona);

• MENÙ: il vero fiore all’occhiello, nonché core business del Milano Wine Festival. Sarà possibile degustare più di 250 etichette di cantine da tutta Italia (ecco magari non tutte, se no il pronto soccorso del Fatebene è lì a due passi!). Per asciugare l’alcool sarà possibile abbinare gli assaggi con un’ampia selezione di street food (da C’è pasta per te sino a Bizzi l’arrosticino, passando per MasterSciatt e molti altri). Che dire? VOTO 10 (e lode);

• SERVIZIO: una volta dotati di calice sceglierete ovviamente da soli, secondo il vostro gusto, da chi farvi versare il vino. Per chi volesse invece farsi guidare è possibile partecipare alle Masterclass organizzate dai sommelier della FISAR. Approfondimenti tematici (quasi tutti gratuiti) su alcune delle più note cantine italiane. Per prenotarsi occorre mandare una mail a prenotazioni@artedelvino.it. OCIO però. Alle Masterclass si può accedere se e solo se si compra il biglietto online. VOTO: 9,5 (solo perché le Masterclass sono quasi tutte gratuite, ma non quella sul Franciacorta);

CONTO: al Milano Wine Festival ci sono due modalità di ingresso, la giornaliera (sino alle 19) e la serale. Con la giornaliera che costa 20 euro (ma potete risparmiare quasi il 25% acquistandolo a 15 euro + 1,22 di prevendita a questo link) avrete diritto al calice con assaggi illimitati. La serale (dalle 19 in poi) dove si entra gratis, ma servono cinque euro per il calice e le degustazioni si pagano a token dal valore di un euro. VOTO 10 perché le formule sono flessibili e con l’online si risparmia.

Ora però siamo giunti al verdetto finale. Non ho nessuna intenzione di ribaltare il risultato, ma confermare in pieno i giudizi espressi.

Complimenti Milano Wine Festival hai vinto… l’acquisto on line dei miei biglietti scontati. Da reinvestire tutti nel mio divertimento.

Ricordatevi, si inizia a sbocciare venerdì 9, a partire dalle ore 15 sino a mezzanotte. Sabato e domenica invece dalle 12 in poi.

Enjoy!

Articolo scritto in collaborazione con Food Festival

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!