8 0

Figa che nostalgia: nasce Play Cult, un archivio con tutto il meglio della Mediaset anni ’80 e ’90!

Stanchi di guardare Mamma ho perso l’aereo su Italia1? Quei vecchi volponi di Mediaset se ne sono usciti con l’idea del secolo per questo natale: Play Cult. 

Il meglio di tutta la televisione anni ’90 targata Mediaset. Da Vianello alla Mondaini, passando per Bim Bum Bam, Non è la rai, Mai dire gol… più lacrime che nel finale di Io e Marley.

Il preziosissimo database lo potete trovare in una sottocartella di Mediaset Play, la piattaforma digitale da cui si accede solitamente ai contenuti di proprietà del colosso meneghino (ma esistono anche una pagina Facebook e un profilo Instagram)

Come spiegato a Vice Italia, il progetto ha preso vita cavalcando l’onda del restyling generale della piattaforma e dei primi frutti del progetto Arca, quello che per intenderci sta provvedendo alla digitalizzazione di tutti i contenuti dell’archivio Mediaset. 

Una grandissima occasione che consentirà a noi vecchi di riassaporare quei momenti di magia e che porterà i più giovani a scoprire veri e propri pezzi di storia della nostra cultura popolare.

Andrea Girolami, rappresentante sviluppo dell’offerta digitale Mediaset, ha così commentato: «Noi abbiamo la fortuna di avere un archivio potentissimo e preziosissimo di programmi che hanno fatto la storia. Ci occupiamo solo del modo di proporli e contestualizzarli oggi, cercando di creare un frame adatto per far sì che chi c’era allora possa rivederli, invece chi non li ha mai visti o non li ha mai visti in tv possa scoprirli».

Ovvio, sono ancora tanti i capolavori che mancano all’appello ma il potenziale è immenso. Tanto per dirvene una, in questo momento sto guardando i Take That ospiti a Non è la Rai. Ambra che insegue i cinque bellocci in lungo e in largo per il set, ignara di come Robbie Williams e compagni la stiano palesemente sfottendo: beata ignoranza. 

Figa che nostalgia!

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!