2 0

Gli album più venduti nel 2018 in Italia vi faranno mettere le mani nei capelli

La Fimi – Federazione Industria Musicale Italiana – ha diffuso la classifica ufficiale degli album più venduti in Italia nel 2018. La top 10, manco a dirlo, è dominata dai rappusi e dai ragazzetti usciti dai talent.

Se alcuni di voi avevano in programma di spegnere l’internet, è arrivato il momento giusto. Per tutti gli altri, Lourdes potrebbe essere una soluzione.

Detto ciò, chi occuperà la prima posizione della classifica?

10_Divide – Ed Sheeran

ed sheeran

In quella che è una classifica che parla italiano, il caro Ed Sheeran è l’unico cantante internazionale che piace al popolo.

9_Davide – Gemitaiz

gemitaiz

Davide sta bene, in nona posizione, gliel’abbiamo già chiesto.

8_Siamo solo noise – Benji & Fede

benji fede

Il duo emiliano a tutto tatuaggi, muscoli e fascino alla Nate Archibald di Gossip Girl, poteva forse mancare?

7_Peter Pan – Ultimo

ultimo

Ultimo è la prova che anche dietro al peggio rtamarro di periferia, si cela un animo romantico. O per lo meno, è presente nelle sue cuffiette.

6_20 – Capo Plaza

capoplaza

Giovane fuoriclasse, vi dice qualcosa?

5_Il ballo della vita – Maneskin

maneskin

A farsi sentire non è solo il freddo, cara Marlena ma tutto il disco della band vincitrice della scorsa edizione di XFactor.

4_Playlist – Salmo

salmo

L’album dei record.

3_Fatti sentire – Laura Pausini

laura pausini

Non sarà granchè, ma almeno è una faccia conosciuta.

2_Plume – Irama

irama

Il vincitore del talent Amici, grazie anche al tormentone di quest’estate Nera, occupa il secondo posto in classifica.

1_Rockstar – Sfera Ebbasta

sfera ebbasta

King della trap italiana ma anche della classifica. Pronto haters, siete in linea?

Credit immagine Credit immagine Credit immagine Credit immagine Credit immagine Credit immagineCredit immagine Credit immagine Credit immagineCredit immagine
Credit immagine di copertina

 

 

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!