3 0

Altra classifica, altro premio: Milano nominata “Città dell’anno 2019”

Milano la bella, Milano la secchiona, Milano la prima della classe, Milano pigliatutto.

Ormai il capoluogo meneghino sta mettendo più trofei in bacheca di CR7: l’ultimo è quello di Wallpaper Magazine, autorevole testata d’arte, moda e architettura britannica diffusa in tutto il mondo, che ha incoronato Milano città dell’anno 2019.

Quindi, dopo il primo posto conquistato per qualità della vita, nella recente classifica de Il Sole 24 Ore, adesso tutti sanno che Milano è al TOP anche per quello che riguarda arte, fashion e riqualificazione del territorio. E la concorrenza per questo titolo non era mica da poco: la città imbruttita ha battuto infatti importanti metropoli come Shanghai, Helsinki e Vancouver.

Wallpaper Magazine ha stilato un vero e proprio elenco dei punti di forza di Milano, che le hanno consentito di vincere, inglobando sia le nuove strutture, sia quelle in costruzione, e includendo anche ristoranti (si, c’è pure Cracco), centri culturali e artistici.

Ecco l’elenco completo:

New architecture: Generali Tower, by Zaha Hadid Architects; Gucci HQ, by Piuarch

Under construction: Soho House; PwC Tower, by Studio Libeskind; Bocconi campus, by SANAA; Museum of Etruscan Art, by Mario Cucinella Architects

New hotels and restaurants: Hotel Viu, by Arassociati and Nicola Gallizia, furnished by Molteni&C; Cracco restaurant, by Studio Peragalli; Cafezal, by Studiopepe

Cultural draws: Salone del Mobile; Fondazione Prada; Miart fair; Triennale di Milano

I giudici hanno anche sottolineato l’importante contributo dato alla città dai big della moda come Miuccia Prada e Giorgio Armani e, sempre secondo la giuria di Wallpaper Magazine, «Milano sta vivendo un eccitante rinascimento».

E scusa se è poco.

 

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!