1 0

Carne sintetica, birra-milkshake e tutte le altre strambe mode food del 2019

Ci sono pochi punti fermi nella vita, e uno di questi, forse, è il guanciale nella Carbonara. Le tendenze, lo dice il nome, vanno e vengono. Spesso sarebbe meglio se non arrivassero proprio. Il settore del food non fa differenza.

Tra tutte le ricerche di mercato condotte in merito al 2019, BBC e Whole Foods hanno tratteggiato al meglio il quadro calorico del nuovo anno. Tra una fake bistecca e una Milkshake IPA, ecco i 10 food trends più interessanti dei giorni a venire.

Ma non ditelo alla nonna!

1_Packaging a impatto zero

Dopo le cannucce riciclabili, la prossima scommessa made in UK sono i sacchetti per sandwich riutilizzabili e gli imballaggi per la frutta fatti di cera d’api. L’azienda Skipping Rocks Labs si è spinta oltre realizzando un imballaggio per cibi solidi e liquidi a base di alghe marine.

Deliveroo abbandonerà presto la plastica e, sposando la politica ecologista, ha inserito l’opzione no posate nelle prenotazioni.

2_Cucina casalinga tra le mura domestiche

Se stare a casa è il nuovo uscire o Kalsarïkannit, come dicono gli scandinavi, una tendenza sarà quella dell’organizzare cene casalinghe in cui si cura ogni aspetto, dalle portate al vino. No alle cene nei locali, quindi.

3_Le Milkshake IPA

Anche se la Lager rimane una delle tipologie di birre preferite, in America si sta sperimentando una concorrente degna di nota: l’India Pale Ales (IPA) con aggiunta di lattosio, detta anche Milkshake IPA.

Alcune, a quanto pare, sarebbero già in commercio.

4_ Le alghe

Non solo Plancton tra i trends food marini. Sulle tavole spopoleranno le alghe in tutte le forme possibili e inimmaginabili: dai noodles, al tonno vegetale fino all’olio e alle salse.

5_Sapori provenienti dall’Oceano Pacifico

La cucina Hawaiana, regina indiscussa del 2018, ci regala alcuni cibi particolari con cui stupire gli ospiti.

Il Longganisa: la salsiccia tipica della cucina filippina composta da gamberetti essiccati, pasta di gamberetti, guava e passion fruit.

Il Jackfruit: il frutto gigante che ricorda, nel sapore, quello della carne.

Il Monk Fruit: un frutto il cui estratto diventerà presto il nuovo dolcificante di moda, in barba alla cara vecchia Stevia.

6_Sostenibilità trasversale ed etica

Una tendenza importante per il 2019 è la trasparenza: le scelte d’acquisto dei consumatori saranno dettate da nuove politiche aziendali dei produttori: un esempio è il progetto di Funky Tomato e La Fiammante, che punta a valorizzare e coltivare gli ex terreni appartenuti alla camorra.

7_Snack Meat free (Faux Meat) – Senza Carne

Non bastavano gli hamburger di carne sintetica. Presto ci saranno dei prodotti a base vegetale che promettono di ricreare – per la gioia delle papille gustative – non solo il sapore della carne ma anche la sua consistenza. A quanto pare, spopoleranno sotto forma di snack a mo’ di filetti di carne stracciata e/o essiccata, patatine al gusto bacon.

8_Latte e bevande vegetali

Al latte vegetale e tutte le sue varianti conosciute – kamut, riso, soia, avena, cocco, nocciola…-  si aggiunge il Pea Milk: il latte ricavato dai piselli.

Altro che Evian by Chiara Ferragni: l’acqua must-have è quella di cocco. In Asia esistono degli store monotematici dedicati proprio a questo drink. In alternativa? L‘acqua di AloeCactus.

9_I Negozi automatici

Dai distributori apparsi nelle nostre città, a veri e propri negozi automatici in grado di riconoscere il volto dei clienti e accompagnarli al tavolo; gestire le prenotazioni; velocizzare gli ordini nei fast food; cucinare pietanze; offrire il servizio in camera negli hotel.

Da Cafè X (San Francisco) è possibile ordinare l’amata bevanda, nella variante preferita, per poi esser serviti da un robot.

10_L’aspro

Seguendo l’ondata delle pietanze provenienti dalle cucine mediorientali, torna alla ribalta l’aspro: Melagrana, Matcha e Tamarindo saranno gli ingredienti principali delle bibite e dei dolci che porteremo sulle nostre tavole.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!