3 0

Una strana dipendenza del cazzo: questa donna disegna peni con le app per correre

«Piacere, cosa fai nella vita?»
«Niente, disegno cazzi»

Andy Warhol sosteneva che nel futuro ognuno di noi sarebbe diventato famoso per 15 minuti, ma chissà se immaginava che sarebbe potuto succedere anche disegnando peni.

Una ragazza di 33 anni del New Jersey con la passione per la corsa – ma non solo -, da 3 anni a questa parte disegna peni di qualsiasi dimensione e forma delineati con una app.

Possiamo dire che Claire, conosciuta come Dick Runner, ha davvero un hobby del cazzo.

Il suo è un bizzarro modo di fare jogging: si sa, le idee migliori arrivano per caso, e anche con lei è andata proprio così. La sua passione si è manifestata una mattina di 3 anni fa quando si trovata a Kansans City dal fratello. La ragazza, durante il giorno del Ringraziamento, è uscita per andare a fare jogging e si è persa; fortunatamente, grazie al Gps, è riuscita a trovare la strada di ritorno. Riguardando il percorso fatto, si è resa conto di aver tracciato la forma di un pene e da quel giorno ha trasformato il dick running in un fenomeno mondiale.

È talmente ossessionata dal suo passatempo che le sembra che alcuni percorsi siano stati pianificati per la città proprio per quell’esatto scopo: «È proprio l’urbanistica delle città ad essere fatta così, forse anche chi costruisce i percorsi deve aver pensato a quella forma».

Tutti i suoi peni sono raccolti sul profilo Instagram dick_run_claire.

«Tra i followers ci sono solo tre miei amici veri, e uno è il mio cane. Quindi tutti gli altri mi seguono per le dick run», ha detto Claire in una intervista. Il pene più grande lo ha realizzato completando un percorso di 22 km nel Vermont mentre si stava allenando per una maratona. Il suo obbiettivo è diventato disegnare un cazzo in ogni stato americano.

Insomma, Instagram è pieno di foto di cibo, cani, gattini, selfie con filtri da coniglietto e pose sexy, ma questa giovane donna è riuscita proprio a distinguersi dalla massa. Un’idea talmente brillante e allo stesso tempo assurda che ci verrebbe da chiederle: «Che cazzo hai da fare oggi?».

Articolo scritto da Liliana Terlizzi

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!