4 0

LinkedIn è diventato il nuovo Tinder e queste conversazioni lo dimostrano

Succede che alcuni oggetti, invenzioni, nate per un determinato fine o nobile intento, un po’ per caso, un po’ perché fanno effettivamente pena per lo scopo per il quale sono state ideate, finiscano per diventare altro e fare la fortuna – o sfortuna – del loro inventore.

Qualche esempio? Pensate la Coca-Cola, doveva essere un medicinale per curare il mal di testa e la stanchezza. Lo zafferano veniva utilizzato per dorare i dipinti. Maria De Filippi voleva diventare prima suora e poi avvocato.

E per aggiornare la lista con esempi più recenti, abbiamo il caso di LinkedIn. Che, nato inizialmente come social per cercare lavoro e sviluppare contatti professionali, si è trasformato in poco tempo in un’oasi virtuale presidiata da morti di figa, disperati, potenziali stalker e patetici corteggiatori d’antan. Dico bene, donne? Voi che, a ogni compleanno, ricevete nella messaggistica privata una poesia d’amore da un perfetto sconosciuto; voi che, convinte di essere state contattate per un’opportunità lavorativa, avete ottenuto solo l’ennesima richiesta di appuntamento galante da uno che lavora presso se stesso.

Tranquille, non siete sole. Qui abbiamo raccolto alcuni messaggi. Ma siamo certi che ne avete tantissimi da condividere con noi:

L’ESPANSIVO

IL POETA

 

L’ARRICCHITO

IL VERO AMICO

 

IL CREATIVO

LA PUGLIESE

 

Articolo scritto da Maurizio Binetti

 

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!