1 0

Monolocale ma quanto mi costi: Milano è 11esima al mondo per prezzi

Si piange al momento dell’acquisto e pure mentre vi si abita: il monolocale di 24-36 mq farà pure guadagnare un +7% annuo a chi investe, ma fa versare lacrime amare a chi decide di acquistarne uno.

Milano è l’11esima città più cara al mondo secondo la ricerca I monolocali più cari al mondorealizzata dalla Federazione internazionale agenti immobiliari per il gruppo Sarpi, che ha analizzato 500 appartamenti in zone top, nel periodo luglio 2018 – gennaio 2019.

Il costo di un mq nel centro città viaggia sui 9.821 euro, alla faccia di Dubai (6.173 euro). Se si sconfina – oltre la circonvalla, intenderanno? – il prezzo si riduce a un terzo. Roma è solo 72esima in classifica con 7.467 euro.

classifica costi

Non crediate che all’estero se la passino meglio: si parla di 51mila euro a Montecarlo (44mila in periferia); 43.500 euro al mq a Hong Kong, 31.500 in quel di Londra, 22.300 euro a Singapore, 21.500 euro New York e oltre 20 mila euro a Shangai.

Si può arrivare a spendere oltre 1,5 milioni a Montecarlo, 1,3 milioni a Hong Kong e solo 300mila euro all’ombra della Madonnina, per uno spazio nel quale molti non riuscirebbero neppure a sopravvivere un mese.

E qui arriviamo alla domanda fatidica: quanti anni di mutuo ci vogliono? Per comprare un monolocale a Milano si impiegano in media 9.2 anni, a Roma 9.8 anni. Hong Kong e Shanghai lasciatele perdere: si parla di 24 e 26 anni.

E se volessimo solo affittarne uno a Milèn? Un bel 1250 euro di canone mensile non ve lo toglie – ne abbona – nessuno.

Ora, nutriamo qualche dubbio in merito: dando un’occhiata online, almeno sull’affitto, ci pare che le cifre siano molto più contenute. Anche in centro ce la si può cavare con circa 800-900 euro; certo, sempre una bella mazzata, ma con 1250 ti prendi il loft vista Cadorna.

 

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!