0 0

Serie tv o sesso? Una persona su tre preferisce le prime!

L’età della prima volta si sarà pure abbassata, ciò non toglie che ci sia stata, negli anni, un’inversione di tendenza abbastanza drastica: se prima il sesso era fondamentale come l’aria, ora bhé, ne passa d’acqua sotto ai ponti! Più che d’acqua, parliamo di cene, uscite tra amici, palestra, hobby e… serie tv! I brividi lungo la schiena? Ci sono, ma non di piacere.

Una persona su tre, infatti, preferisce starsene in panciolle sul divano a mangiare schifezze e vedere serie tv piuttosto che fare sesso con il proprio fidanzato, partner, marito o trombamico che sia. Ad affermarlo è una ricerca condotta dalla società americana di consulenza al consumatore (HSI) che ha scoperto un po’ di cosucce più o meno allarmanti. Tramite un sondaggio effettuato su un campione di 500 americani tra i 18 e i 54 anni – 44% uomini e 54% donne – è emerso che il 33% degli intervistati ha affermato senza esitazione che preferisce le serie a un rencontre amoureuse.

I danni del binge watching però non finiscono qui: il 33% degli intervistati – tra cui la maggioranza degli sposati – ha rivelato che la scelta riguardo cosa guardare su Netflix è una delle motivazioni più ricorrenti di litigi.

Altro che corna: più del 50% si sente tradito se il partner guarda da solo un episodio della serie tv che si è scelto romanticamente di seguire insieme. Se siete fortunati, il vostro amato sarà clemente e perdonerà lo sgarro (92% delle persone)!

Poi c’è un particolare manipolo di persone – sempre 33% – che considera un dispettone accedere alla piattaforma utilizzando la password dell’ex. Entrare nell’account personale altrui is the new vendetta. Sappiate che vi sgamano subito.

C’è anche chi ha confessato di iniziare una frequentazione con il solo scopo di farsi dare il codice d’accesso. Del resto, frega ben poco.

E con questo, dal divano di casa, passo e chiudo.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!