0 0

Arriva Uniqlo a Milano: all’ombra della Madonnina “il negozio più bello del mondo”

Come non innamorarsi di Milano, dopotutto. All’ombra della Madonnina cupido ha scoccato l’ennesima freccia che sembra esser andata a segno nel cuore di un altro brand internazionale: il colosso fast fashion Uniqlo che aprirà in autunno il primo flagship store.

Dal 6 aprile, data iniziale d’apertura, si è slittati a ottobre, ma poco importa: al 2 di Piazza Cordusio, nel palazzo di proprietà del gruppo Hines Italy, si faranno grandi cose, o meglio, si farà un grande negozio.

Dopo Starbucks, a metter la propria bandierina nella bella piazza è l’azienda giapponese che per la nostra città ha deciso di sposare il motto think bigger realizzando lo store più bello del mondo: 3 piani – per un totale di 2.500 mq – che ospiteranno le linee donna, bimbo e uomo, capsule collections speciali e anche la linea sportiva ideata in collaborazione con il tennista Roger Federer.

Si parla anche di 300 assunzioni: «I manager della società mi hanno detto che secondo loro questo store sarà il più bello del mondo. Assumeranno 250 giovani nel negozio e altri 50 lavoreranno nel loro headquarter», ha dichiarato il sindaco Beppe Sala in un’intervista.

Proprio come la nota catena di caffetterie a stelle e strisce, di cui portano la firma le aiuole in piazza Duomo, Uniqlo ha intenzione di realizzare un progetto ad hoc in un quartiere periferico di Milano. Ancora, però, non si hanno informazioni a riguardo.

Ma parliamo di numeri: secondo le stime si prevedono 15 milioni di clienti all’anno che si tradurranno in altrettanti soldoni, contando che Uniqlo ha chiuso il 2018 con un ricavo pari a 19,17 miliardi di dollari.

Tadashi Yanai – fondatore e ceo del colosso, oltre che uomo più ricco del Giappone – al contrario dei competitor non punta a offrire trend e dress code da lady Gaga ma tecnologia. Un esempio? Heattech, studiata per isolare il corpo, trattenendo il calore e proteggendo da freddo e umidità.

Non a caso, Uniqlo è un brand famoso e apprezzato nel mondo per la sua offerta di capi basic di ottima qualità, declinati in tantissime varietà cromatiche: un capo può essere proposto in ben 85 tonalità diverse.

Non sarà quindi più necessario volare fino a Tokio per farne man bassa, semmai ne aveste mai sentita la necessità.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!