1 0

Una mamma ha regalato tappi per le orecchie e caramelle ai passeggeri di un aereo per sopportare il suo bambino in volo

La tratta Seul – San Francisco non è mica una cosetta da poco. Si tratta di un bel volo da 10 ore che può essere piacevole, nei limiti dell’aggettivo, ma anche una vera e propria tortura se di fianco hai, come dire, un passeggero non proprio a modo.

Dal tizio che ascolta musica a manetta nelle cuffie e ti sembra di stare a Thoiry, a quello che sconfina con gomiti, menischi e indumenti, a quello che mangia la qualunque fino a farti sembrare uscito da KFC, alla signora che stringe tra le braccia un pargolo piangente.

Pensate di essere una mamma che per forza di cose deve volare per suddette ore con un bebè di 4 mesi. Non temete: è una storia a lieto fine per tutti, timpani compresi.

On a Ten hour flight from Seoul Korea to San Francisco, a mother handed out more than 200 goodie bags filled with candy…

Gepostet von Dave Corona am Dienstag, 12. Februar 2019

 

Jonwoo è il nome del piccolo che, prendendo tutti contropiede, ha trovato un modo geniale per farsi voler bene dai 200 passeggeri dell’aereo, permettendo loro di sopravvivere al viaggio (e alla sua rumorosa presenza):

La sua mamma ha infatti previdentemente distribuito una confezione contenente un bigliettino di scuse, caramelle e tappi per le orecchie. Nel tenero bigliettino, Jonwoo parla in prima persona e racconta che sta andando dallo zio in quello che è il suo primo volo: «il che significa che potrei piangere e fare rumore. Cercherò di stare tranquillo ma non posso promettervelo. Scusatemi».

Come far piacere i bambini in 3,2,1.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!