1 0

Porta Genova cambia look: ecco come sarà il nuovo piazzale pedonale

Alla nostra bella Milano piace incipriarsi il naso e modificare ogni tot il proprio look. Parole d’ordine? Stupire, interessare e agevolare. Non è dunque solo questione di vanità.

Dopo Piazza Dergano e Angilberto II, anche il piazzale di fronte alla stazione di Porta Genova cambierà faccia, trasformandosi in un’area pedonale con un’estetica ben definita, a tutto strutture mobili e materiali a basso costo. Quale momento migliore per inaugurarla, se non durante la Design Week del 9-14 aprile 2019?

porta genova progetto

Il progetto prevedere la trasformazione in area pedonale non solo del piazzale, ma anche del tratto compreso tra via Ventimiglia e via Barbavara, per un totale di 4100 mq che si vanno ad aggiungere ai 1200 già presenti.

Transito e fermate dei mezzi pubblici – nel piazzale, via Vigevano, corso Colombo e via Valenza – non subiranno modifiche, ma verranno riqualificati: tram e bus possono quindi festeggiare, così come i residenti e i passi carrai affacciati sul piazzale.

La fermata dei taxi invece verrà fatta traslocare all’esterno dell’area, spariranno alcuni posti auto irregolari e il chioschetto verrà leggermente spostato. Intatta la posizione della rastrelliera del bike sharing.

Come in tutte le cose, c’è un ma: l’accesso alla piazza sarà vietato ai veicoli dei privati.

Strisce bianche e blu, panchine, piante, vasi e rastrelliere daranno vita al nuovo percorso che andrà dall’uscita dell’M2 alla passerella Biki.

L’opera è parte del progetto Piazze Aperte – uno degli obiettivi prefissati da Milano 2030 – e verrà realizzata in collaborazione con Bloomberg Associates, Nacto Global Designing Cities Initiatives, Comune di Milano, l’associazione Retake Milano e il Colorificio Sammarinese.

L’ispirazione? Arriva direttamente da metropoli come New York City, Los Angeles e San Paolo.

Credit immagine, Credit immagine, Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!