0 0

Quando Amazon non c’era: le televendite più spassose di sempre

Le televendite esistono ancora? In un mondo dominato dall’ondemand, Amazon, Netflix e chi più ne ha ne metta, mi è venuto questo dubbio amletico. Così una sera ho deciso di cercare la risposta praticando un antico sport: lo zapping.

La risposta è che, come è vero che la pubblicità è l’anima del commercio, le televendite esistono ancora, eccome. Ne ho avuto la piena certezza quando ho ammirato la mitica Stefania Orlando (a proposito, è ancora un gran bel pezzo di Gafi!) alle prese con un materasso Marion in offerta speciale.

Di fronte a me è partito quindi un mondo di ricordi, numeri in sovraimpressione e offerte irripetibili. Batterie di pentole accompagnate da mountain bike, ma «solo per questa settimana». Gioielli a prezzo di saldo e coltelli affilati come spade di samurai.

Sono quindi corso a cercare spezzoni storici che vi propongo qui sotto.

Roberto Da Crema – Amici Ahrara

 

Ve lo ricordate il mitico Baffo? Capace di vendere qualsiasi cosa. Da togliere il respiro…

Prendi la cornetta Mondial Casa ti Aspetta

 

Uno che voleva le pentole in acciaio 18/10  doveva portarsi a casa pure uno stereo, una coperta in lana merinos, un forno a microonde, un ferro da stiro….

I gioielli di Sergio Baracco

 

Centonovantanovemila!!! Le televendite di Sergio Baracco erano sempre uno spasso. Rischiava più volte il licenziamento per gli sconti che concedeva. Alle prime dieci telefonate. Da amarcord anche una sua partecipazione a Mi Manda Lubrano in Rai.

Eminflex

 

Mastrota non si occupava solo di pentole, ma anche di materassi. Con sconti da capogiro. Ovviamente da cogliere al volo. Caro Giorgio, io non ho ancora capito però cazzoè il sistema Memory.

Miracle Blade – coltelli che tagliano qualsiasi cosa

 

Carlo Cracco andava ancora alla scuola alberghiera quando Chef Tony tagliava qualsiasi cosa, le lattine di alluminio? Come burro per Miracle Blade!

Sempre in tema di coltelli: SHOGUN!

 

Te li portava a casa direttamente un Samurai, altro che DHL!

Amerika Star: come una palestra!

 

L’importanza di drenare. Via la cellulite

Ce ne sarebbero molte altre da raccontare. Da Wanna Marchi ai tappeti persiani Iranian Loom. I mobili di Aiazzone («Provare per Credere!») Sino a quelle curate dal mitico Mike Bongiorno (ve la ricordate la pellicceria Annabella di Pavia?).

Un pezzo di storia della televisione italiana che comunque ci ha fatto divertire e ancora oggi ci fa sorridere. Specialmente noi che da queste televendite non abbiamo mai comprato una sega!

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!