0 0

A CityLife il tiramisù più lungo del mondo: pronte 15mila porzioni per tutti

Bello, buono, bravo, in grado di svoltare un pasto triste o risollevare un umore parecchio traballante. Non parliamo del vicino di casa dall’addominale scolpito che salutava sempre, ma del re dei dolci nostrani: il tiramisù.

È proprio sua golosità il protagonista della sfida benefica che sabato 16 marzo avrà luogo nello shopping district di CityLife. Tiramisù da record, è questo il nome dell’iniziativa con cui Galbani sfida lanciando un savoiardo – a mo’ di guanto – la commissione del Guinness World Records®.

L’obiettivo? Preparare il Tiramisù più lungo al mondo in collaborazione con i pasticceri della Scuola di Cucina Teatro7|Lab e AADV Entertainment, battendo l’attuale record pari a 266,9 metri.

In un’area appositamente dedicata, i pasticceri lavoreranno su 80 tavoli da 183 cm ciascuno, in modo da non impazzire durante il making of del dolce. Tra un uovo sbattuto a destra e una confezione di cacao in polvere a sinistra, si prevede la preparazione di 1.011 blocchetti da 30 centimetri ciascuno.

Se la matematica non è un’opinione, il risultato finale sarà un bel Tiramisù da 303 metri che ci farebbe vincere alla stragrande – con tanto di cori da stadio in sottofondo – il record mondiale.

L’evento si terrà alle 14:00 presso il piano terra del mall; ad animarlo e intrattenere gli spettatori ci saranno La Pina, Diego e La Vale di Radio Deejay.

Per chi si sta già leccando i baffi all’idea di scroccarne un pezzettino, sappiate che si parla di 15mila porzioni… in omaggio! 

Galbani, storica collaboratrice de il Banco Alimentare, donerà inoltre tutti gli ingredienti necessari per la realizzazione di altre 15mila porzioni alle mense di Lombardia, Toscana ed Emilia Romagna in modo da rendere partecipi – seppur simbolicamente – i meno fortunati.

Basta un poco di Tiramisù e la pillola va giù.

Credit immagine, Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!