1 0

Disagio, arrivederci: alcune compagnie aeree vogliono bannare l’alcol del duty free dai propri voli

Tra chi si toglie le scarpe per far prendere aria agli alluci curiosi e scatena una rissa, chi viene scotchato al proprio sedile perché sta pesantemente rompendo le balle agli altri passeggeri e chi – tocco di classe – si mette a cantare a petto nudo in pieno corridoio sentendosi Bradley Cooper, hostess e steward ne hanno fin sopra i capelli.

Sarà per questo che gli aeroporti britannici hanno in programma – o meglio, si augurano – di limitare la vendita di alcol ai passeggeri, in modo da evitare turbe degli animi a bordo e atterraggi d’emergenza con tanto di arresti.

L’idea è quella di costringere i duty free dell’aeroporto a vendere le bottiglie di alcolici di qualunque dimensione in sacchetti sigillati con un’etichetta che non ammetta repliche: è vietato aprire le bottiglie – e farsi il cosiddetto goccetto – finché non si arriva a destinazione.

La catena World Duty Free, l’unica presente nei principali aeroporti inglesi, si è già messa all’opera di sua spontanea volontà. Le compagnie aeree vorrebbero che questa proposta si trasformasse in legge e venisse estesa a tutti gli scali e rivenditori presenti in essi.

L’alcol è infatti una delle cause principali di incidenti e disagi ad alta quota. Vi basti sapere che un uomo inglese ha passato 6 giorni in prigione con tanto di multa da 12mila sterline – pari al costo della benzina – perché a causa di qualche bicchierino di troppo ha costretto i piloti a tornare indietro verso Londra. Peccato che il volo fosse diretto in Canada!

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!