1 0

Nuovo progetto green per Loreto e Buenos Aires, ma i commercianti si prendono male

Oggi trovare spazi verdi tra corso Buenos Aires e Loreto è più difficile che trovare un giargiana che sappia mandare mail in inglese, ma le cose stanno – forse – per cambiare.

In Corso Buenos Aires, patria dello shopping selvaggio in città per turisti e non, il Comune sta progettando di mettere 100 metri di alberi per dare un po’ di colore e respiro alla zona, che effettivamente, oltre alle luci dei negozi, è decisamente grigia.

«Il primo segnale che vogliamo dare è cambiare l’isolato delle Corti di Baires all’interno dei lavori di riqualificazione di questo complesso. E lì salta la sosta e mettiamo verde e alberi», ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran. Tutti contenti? Eh no, perché molti commercianti sono in presamale, perché i nuovi alberi oscurerebbero le vetrine e anche un eventuale allargamento dei marciapiedi provocherebbe altri problemi logistici.

Il piano di Palazzo Marino è comunque quello di provare a rendere verde il viale in partnership con i privati – come l’operatore londinese Meyer Bergman, che lì sta ristrutturando le Corti di Baires abbandonate da anni – per piantare alberi nell’isolato tra via Petrella e via Pergolesi, mettendo così un freno definitivo alle auto a e al caos.

L’ondata green dovrebbe andare oltre Buenos Aires, arrivando fino a piazzale Loreto.

Ora, nel piazzale tra Viale Monza e Corso Buenos Aires c’è solo un’enorme rotonda di cemento e la zona è presa d’assalto dalle macchine peggio che una carovana di giargiana davanti a un open bar. Il Comune di Milano ha in piano di rendere verde la zona della rotonda e probabilmente lancerà nel 2020 un bando per la ristrutturazione in ottica green. Intanto sono arrivate le prime idee e i primi rendering dei progetti, e sono decisamente interessanti.

Project good, green better, Milano TOP.

 

Credit immagini

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!