0 0

Figa, ci siamo: torna Il Trono di Spade ed è il momento di scegliere da che parte stare

Articolo scritto in collaborazione con NOWTV

Come se già non stessi contando i minuti che mancano (e lo sto facendo dall’estate 2017), pure Milano si è messa a farmi salire l’ansia per Il Trono di Spade.

Ovunque mi giro vedo il faccione ingenuo di Jon Snow e lo sguardo spacca-culi di Daenerys che mi fissano alla fermata della metro, in tram, in Gae Aulenti, In XXIV Aprile e pure quando sto bevendo la mia meritatissima birra post lavoro sui Navigli.

È praticamente un anno che sto in ansia per la stagione finale, e da quando Milano si è trasformata nella più grande campagna elettorale per il nuovo sovrano dei Sette Regni, io faccio fatica a dormire la notte.

Roba da far sfigurare l’elezione di Obama, che a confronto pareva la scelta del rappresentante d’istituto al liceo.

Ho così tante domande e ancora nessuna risposta.

Jon scoprirà di essere andato a letto con sua zia?

Il drago ghiacciato di Daenerys tornerà a scaldarci il cuore?

Qualcuno tirerà finalmente due schiaffoni a quella pesantona di Cersei?

Ma soprattutto, chi salirà sul trono?

E visto che tutte queste affissioni in giro per Milano mi stanno facendo impazzire, ho trovato rifugio nella democrazia: sì, perché NOW TV dà la possibilità di scegliere chi sarà il nuovo re o regina (Go Arya Go!) ad appoggiare le sue reali ciapet sul Trono di Spade del nostro cuore. Praticamente, la votazione ci permette di scegliere il nostro personaggio preferito e ci tiene belli caldi mentre aspettiamo il gran finale.

Andate su nowtv.it/got/ e votate il vostro sovrano dei sogni, ma per favore fatelo con maggiori giudizio di come avete fatto in altre occasioni.

Spoiler per i milanesi distratti: Peppuccio e Myss Keta non sono eleggibili.

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!