3 0

Influencer a 89 anni: nonna Licia insegna come spaccare l’internet a qualsiasi età

C’è chi affronta il dolore crogiolandosi in esso, chi vi soccombe e chi lo combatte a colpi di foto e sorrisi. È questa la maxi-storia di come vita di Licia è cambiata, capovolta, sottosopra sia finita, seduto su due piedi qui con te ti parlerò di questa nonna superfica di Viterbo.

Citando il Principe di Bel Air vi presentiamo Licia Fertz, l’89enne istriana – trapiantata appunto a Viterbo – che sta letteralmente spaccando l’internet. Iniziamo con il prologo di quella che sembra essere una vera e propria fiaba 2.0, resa possibile dal nipote 35enne Emanuele Usai, esperto di digital marketing.

«Dopo la morte di nonno Aldo, nonna era depressa. Non sapevo come tirarla su. Le ho proposto, per gioco, di fare qualche foto. Lei si metteva in posa come se l’avesse sempre fatto. Da lei ho imparato la resilienza. Nonna Licia sembra fragile, ma non si spezza mai», ha raccontato il ragazzo a Corriere.it.

È così che per gioco nel 2018 nonna Licia è approdata su Instagram con il primo post in cui si rivolgeva al suo futuro pubblico: «Ciao Instagram! C’è posto per una ragazza di 88 anni?». Evidentemente di posto ce n’era eccome.

Oggi la signora vanta ben 13mila follower e collaborazioni con aziende che l’han voluta come propria testimonial: «Voglio diffondere messaggi positivi. Far capire che la vita continua, anche se a volte ti mette a dura prova. Io ho vissuto la guerra, ho perso una figlia e poi mio marito dopo 64 anni di matrimonio […] Certi traumi non li superi mai completamente, ma abbattersi non serve», ha raccontato Licia che in programma ha anche il lancio di una sua linea di reggiseni comodi per anziane. Tra i tanti progetti, c’è pure quello di mettere da parte i soldi del funerale, argomento su cui l’anziana scherza senza tanti problemi.

Don’t stop me now insomma.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!