0 0

La classifica delle piscine più amate dai milanesi nel 2018

Se stare sotto il sole, sotto il sole di Riccione, di Riccione non è la vostra massima aspirazione per l’estate 2k19, ma nemmeno l’Idroscalo, le possibilità di fare un bagno a Milano sono quel che sono. A stingervi in un lungo abbraccio bagnaticcio al sapore di cloro ci sono però i 900mila ingressi registrati durante il 2018 nelle 21 piscine milanesi gestite da Milanosport. Ovviamente durante tutto il corso dell’anno, non stiamo mica parlando solo di piscine all’aperto, anzi.

A Milano si è dunque sguazzato alla grande come pesci, senza troppe pare, oseremmo dire. La mancanza del mare – forse più per necessità che per virtù – è bellamente passata in secondo piano.

Non solo. Nel 2018 – secondo i dati riportati sul portale Open Data del Comune – ci sono stati 722.512 iscritti totali alle attività acquatiche, 89.026 ai corsi in palestra e 29.843 a quelli di tennis. Infine, 17.096 hanno seguito le attività dei Campus della società.

A fare un triplo carpiato e vincere la medaglia d’oro come piscina più amata nel 2018 dai milanesi è stata la Cozzi. L’impianto ha registrato il maggior numero di presenze ai corsi (106.742) e utenti di nuoto libero (125.334).

Seguono: Bacone (101.295 presenze ai corsi, 57.750 nuotatori liberi); Suzzani (78.327 frequentatori di i corsi, 82.742 interessati al nuoto); Procida (76.503 iscritti, 63.761 nuotatori), Solari (61.498 iscritti ai corsi e 78.707 muniti di costumino) e Mincio (55.112 iscritti ai corsi e 40.630 aspiranti Pellegrini).

Se la vostra prefe non c’è, armatevi di ciabatte e cuffia e intensificate gli ingressi!

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!