0 0

Tutto pronto per la prima Biennale di NoLo: 37 artisti non convenzionali nell’ex fabbrica di panettoni

Ci siamo quasi, Milano si prepara a inaugurare la nuovissima biennale d’arte di NoLo. La mostra si terrà dal 17 al 26 Maggio, negli spazi dell’ex Laboratorio Panettoni di Giovanni Cova & C, in Via Popoli Uniti 11.

Si tratta di un’esposizione dedicata all’eptacaidecafobia, ovvero la paura del numero 17. Sarà una mostra dedicata alla paura in generale, soprattutto nei confronti di ciò che è diverso, metafora delle fobie dei tempi moderni.

È firmata da ArtCityLab, a cura di Matteo Bergamini e Carlo Vanoni. Gli artisti invitati sono 37, tutti rappresentanti di un’arte non convenzionale.

Lo stesso Carlo Vanoni definisce la biennale come qualcosa di anti-istituzionale. Tra temi come l’assenza di luce elettrica e processi creativi fuori dal normale, Milano diventerà la sede di questa rappresentazione dell’arte tutt’altro che ordinaria.

Non solo: sono previsti numerosi eventi al di fuori della BienNolo. Venerdì 3 Maggio, ad esempio, lo stesso Vanoni parlerà di Marcel Duchamp e Lucio Fontana alle pensilina della fermata dell’autobus 56, in Via Padova. E ancora, la facciata dell’ex laboratorio Panettoni ospiterà manifesti iconografici, visibili 24 ore su 24 .

Appuntamento per sabato 18 Maggio per i concerti di Adriano Bassi e Alessandro Nardin, accompagnati dalla musica di Eric Satie e Maurice Ravel, insieme a Thomas Umbaca, il vincitore del premio Hermes.

Un appuntamento dedicato all’arte emergente, non convenzionale, anti-istituzionale, che rappresenta tutto quello che nei tempi moderni piace di più.

Credit immagine di copertina

Articolo scritto da Francesca Solazzo

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!