1 0

Torna il Festival MI AMI con una scaletta da urlo

Dal 24 al 26 maggio torna il Festival della Musica e dei Baci, il MiAmi Festival (se volete scriverlo con lo spazio Mi Ami non ci formalizzeremo), appuntamento che da sempre è punto di riferimento per tutta la nuova scena musicale Italiana. 

La manifestazione, organizzata dall’agenzia creativa Better Days e dallo storico sito web musicale Rockit, riempirà di musica e colori Milano e la splendida cornice del parco dell’Idroscalo al Circolo Magnolia.

Nelle tre giornate di Festival sarà sì la musica a farla da protagonista, con una scaletta che vedrà esibirsi un mix di realtà affermate e promesse della nuova generazione, ma non solo. Dall’arte in tutte le sue forme, passando poi per il fumetto e molto altro, i due direttori Carlo Pastore e Stefano Bottura si sono detti felici di aver raggiunto questa quindicesima edizione

Un traguardo celebrato con l’inaugurazione di un nuovo palco e uno spazio interamente dedicato allo storytelling. 

Tema dell’edizione è quell’Amor vincit omnia, sublimemente rappresentato dal manifesto realizzato dall’artista fiorentino Andrea De Luca, che sottolinea come sia l’amore che il MiAmi siano duri a morire.

“15 edizioni sono un traguardo importante. Mai come quest’anno abbiamo cercato di superarci facendo semplicemente le cose per bene, senza smanie di grandezza ma continuando saldamente sulla strada di una crescita organica e sostenibile”, hanno commentato i due direttori. 

Molti saranno gli artisti che si susseguiranno sui tre palchi nel corso della manifestazione: da Mahmood ai Coma_Cose, da Motta a Myss Keta, passando per Giorgio Poi, Massimo Pericolo e tanti altri. 

“Anche quest’anno siamo riusciti a fotografare il presente, il futuro e il passato della musica italiana”, hanno poi concluso Bottura e Pastore. 

Appuntamento a questo Venerdì, Imbruttiti! 

 “MiAmi o non MiAmi? Certo che MiAmi!” 

Credit immagine

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!