0 0

Tutto ma non il 17: l’imputato è superstizioso e fa spostare l’udienza

Ognuno ha i suoi problemini. La parte comune a tutti è (generalmente) il tentativo di mitigarli e, in alcuni casi, nasconderli agli occhi altrui. Poi c’è chi non si fa problemi a manifestarli pubblicamente, ed è ciò che ha fatto un imputato napoletano durante un processo abbreviato per truffa.

A Milano un giudice si è sentito chiedere di rinviare la data dell’udienza a causa della… scaramanzia dell’uomo! Le esatte parole? «No dottore, il 17 no, porta sfortuna, non si può cambiare?»

Il Gup, a fine udienza, aveva proposto alle parti di fissare la successiva per il 17 ottobre. A quel punto l’imputato, accusato di aver contraffatto una banconota da 50 euro per fare un acquisto, si è alzato esclamando un assurdo quanto fuoriluogo: «Il 17 no, dottore, porta sfiga!»

Il giudice ha ribattuto «guardi, però, che non è mica di venerdì» e di nuovo, ecco tornare l’imputato alla carica con la frase «fosse stato di venerdì non sarei nemmeno uscito di casa».

E niente, il giudice ha fissato una nuova data il 24 ottobre. Sperando che quel giorno non gli attraversi la strada un gatto nero…

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!