0 0

Bassi di tutto il mondo attenzione: gli occhiali-periscopio sono la rivincita per tutti i concerti persi

La chiamano la maledizione dei bassi, una particolare forma di sfiga diffusa fin dalle origine del mondo. Una piaga che affligge i popoli di tutti i continenti conosciuti.

La maledizione si manifesta all’improvviso quando, grazie a specifiche circostanze come concerti ed eventi vari, trova terreno fertile nei suoi bassi ospitanti. I sintomi? Visibilità notevolmente ridotta e ostacolata da uno spilungone X piazzato bello comodo davanti al povero soggetto in questione.

Nel 2019 la storia, con tutti i suoi corsi e ricorsi, sembrerebbe aver imparato dai propri errori e si è arrivati – forse – a una soluzione: gli occhiali-periscopio.

L’idea geniale è venuta a Dominic Wilcox che, durante un concerto a Londra, ha notato – come se non fosse risaputo – con quanta difficoltà le persone basse assistevano a questo tipo di show. Una donna dietro di lui, nello specifico, ballava senza vedere la band a causa dell’altezza delle persone circostanti. Arrivare in anticipo, no?

Gli occhiali Periscope One Foot Taller non sono altro che un paio di occhiali con le sembianze di periscopio che consentono a chi li indossa di vedere un piede in più, ossia 30,5 cm. Mica male! Realizzati in plastica specchiata, scaldata e successivamente piegata con una precisa angolazione, sono in grado di riflettere la luce presa dall’alto e farla arrivare sotto forma di immagine agli occhi.

Dominic non è uno di primo pelo. A lui si devono invenzioni come: la giacca con segnalatori di direzione; il sasso placcato oro da far rimbalzare sull’acqua; una vaschetta per il ghiaccio che diventa sottoscarpa per la neve; le cuffie in grado di far ascoltare i suoni della città, l’amplificatore di rumori di pancia e le scarpe con GPS che ti guidano a destinazione.

Credit immagini

Commenti Facebook

Tags:


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!