3 0

Saldi, saldi che meraviglia questi saldi estivi: ecco tutte le info

“Pensavi solo ai saldi, saldi, clap clap” e alla fine siamo stati accontentati/e, per la gioia degli accompagnatori in perenne stato catatonico. Quest’anno i saldi estivi in tutte le regioni, eccetto Sicilia e Liguria che partiranno l’1 luglio, prenderanno via il 6 luglio.

A dar la conferma dell’inizio della fine è la Regione stessa. Per 60 giorni ininterrotti – non uno più, non uno meno – fino a settembre, potrete dar fondo ai vostri risparmi per rimpinguare il guardaroba, taglie permettendo.

Nella giungla della moda, i saldi sono un po’ le liane con cui ciondolare da un negozio all’altro in cerca del capo mega figo a prezzo mega piccolo. In agguato, però – ben mimetizzate -, ci sono le cosiddette inchiappettate.

Sappiamo che ormai non vi frega più nessuno, ma è sempre meglio metter le mani avanti e fare un bel ripassino sulle linee guida fornite dal Pirellone ai commercianti:

1_ Il prezzo iniziale deve essere accompagnato dalla percentuale di sconto. È facoltativo indicare il prezzo di vendita finale, conseguente al ribasso.

2_ Le grafiche delle pubblicità devono contenere informazioni veritiere e i prezzi non devono essere presentati in maniera ingannevole. L’operatore commerciale dev’essere in grado di dimostrare – agli organi di controllo – la veridicità delle informazioni relative ai prodotti.

3_ La merce in saldo deve essere separata da quella in vendita a prezzo normale – aka nuova collezione – e identificabile tramite appositi cartelli o altri stratagemmi.

4_ Se il prodotto risulta essere difettoso, il consumatore può richiederne la sostituzione o il rimborso su presentazione dello scontrino. Sì, proprio quella cosa che, invece di appallottolare in un nanosecondo, dovremmo saggiamente conservare.

Se no poi, se la pelliccetta è scagnata, che facciamo?

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!