1 0

Mica patate: è nata la prima università per diventare pornostar!

Dopo l’università della vita, ecco l’ateneo che farà impazzire come non mai i social e chi ha l’ego più grosso di Jordi El Niño Polla. Parliamo dell’Università del porno Professione pornostar, che promette di insegnare la dura arte del sesso. L’università del porno è stata da poco aperta in Colombia a Medellín, città conosciuta per ben altro tipo di pacchi.

Ad avere l’idea è stata l’attrice colombiana Alejandra Omana Ruiz, conosciuta con il nome di Amaranta Hank, che insieme al collega Ramón Nomar ha deciso di metter in piedi – e in tutte le altre posizioni – un corso di studio che formasse ad hoc i pornostar del futuro, riducendo sfruttamento e violenze.

Come in tutte le università, si va per corsi: gli economici insegnano a produrre, vendere, trarre profitto da un video pornografico; gli etici che accendono il radar “produttore serio e regolare” ore dodici; i tecnici che svelano i trucchi per girare un filmato con i controcazzi.

Amaranta Hank ha deciso di aprire l’Università per aiutare tutti coloro che sognano di entrare a far parte del settore, ma che – posizioni preferite e battute stereotipate a parte – non hanno mezza idea di come si faccia e di cosa comporti.

La cosa curiosa della faccenda è che Hank, prima di diventare una pornostar per scommessa, era giornalista. La donna infatti aveva deciso che, se la sua squadra di calcio del cuore fosse riuscita ad arrivare nella prima divisione colombiana, si sarebbe spogliata e avrebbe posato per una rivista. Dalle foto osé è stato un attimo diventare attrice hard! Anche la Ferillona nazionale fece lo stesso per lo scudetto della Roma nel 2001 e noi ci abbiamo sperato fino alla fine, ma nada de nada!

Se il viaggetto in Colombia è sbatti, vi ricordiamo la Rocco Siffredi Accademy in Ungheria. La distanza sarà pur minore, ma a quanto pare ne vale la candela.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!