2 0

50 sfumature di prognosi: la mistress lo manda all’ospedale e ora rischia 7 anni di carcere

La matematica non è un’opinione, ma nemmeno il Sadomaso, e – a conti fatti -, il protagonista di questa storia dev’essersi pentito amaramente della scelta effettuata. Anzi, si sarebbe sottratto volentieri a questa pratica, se solo fosse riuscito a parlare tra una frattura e l’altra.

Ecco cos’è successo.

Un 50enne riminese ha deciso di dare una svolta piccante alla trasferta di lavoro nel Nord Italia, e no, non si è dato all’etnico. L’uomo ha deciso di dare sfogo alla propria curiosità prenotando online una seduta sadomaso. Purtroppo per lui, come riportato da Rimini Today, al posto di ricordare con gioia l’esperienza si è ritrovato a leccarsi le ferite

L’uomo, infatti, ha versato 300 euro alla Mistress prescelta che avrebbe dovuto introdurlo a questa pratica, essendo lui un novizio. Sfortunatamente la donna lo ha iniziato al letto… d’ospedale.

La padrona ha dato fondo a tutte le sue conoscenze in materia, rimanendo insensibile e impassibile di fronte a urla e suppliche, come da manuale. Il cliente dal canto suo ne è uscito completamente provato: 40 giorni di prognosi per lussazione alla spalla, costole incrinate, radio fratturato e più di qualche livido.

Una volta uscito dall’abitazione della signorina, l’uomo si è sentito male e si è ritrovato a dover chiamare il 118. In seguito agli accertamenti e all’arrivo della polizia, il 50enne ha dovuto raccontare del come si fosse ridotto in quello stato. È subito scattata la denuncia per lesioni personali aggravate nei confronti della dominatrice, originaria dell’est Europa.

La difesa della donna usa il pugno di ferro: il cliente non ha mai utilizzato la parola di sicurezza per interrompere l’atto. La mistress rischia fino a 7 anni di reclusione e ora aspetterà l’autunno per il processo.

Qualcuno ha detto fisting?

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!