5 0

I viaggi, quelli belli: 30 passeggeri ubriachi urlano e vomitano per tre ore su un volo Ryanair

Se per molti è stato difficile dimenticare la gettata di sbocco in Scary Movie 2, non vogliamo metterci nei panni dei poveri passeggeri di un volo Ryanair che si sono fatti un viaggio intero all’insegna di vomito e schiamazzi.

«È stato il peggior volo della mia vita, assolutamente spaventoso. L’unico modo in cui possa descriverlo è quello di essere in un nightclub a 10 mila piedi da terra», ha raccontato la ventiquattrenne Aneta Zukow, che, in compagnia del fidanzato, ha documentato e vissuto in prima persona quest’odissea senza via di fuga.

Immaginate: un volo di 3 ore, da Manchester a Zara (Croazia), con la bellezza di 30 inglesi alticci e urlanti che si filmano mentre vomitano nel corridoio dell’aereo. Alzi la mano a chi è salito il crimine!

«Erano chiaramente ubriachi anche prima dell’imbarco, ma gli è stato permesso di salire. Una situazione del tutto inaccettabile, in pratica era come se fossero in una festa sull’aereo. Erano animali», ha continuato la ragazza, specificando che il personale di bordo non è stato in grado di rimettere in carreggiata i ragazzi, diretti – visto il mood – al Festival Hard Island. Anzi, a priori non ha impedito loro di salire a bordo della vettura.

Questa manica di simpaticoni infatti aveva creato problemi già durante le operazioni di imbarco, ritardando l’orario di partenza.

Una volta atterrati, però, tre di questi showman sono stati arrestati dalla polizia.

La compagnia aerea ha commentato così, via portavoce: «l’equipaggio del volo da Manchester a Zara ha chiesto l’assistenza della polizia all’arrivo, dopo che un certo numero di passeggeri è diventato molesto. L’aereo è atterrato normalmente e la polizia ha allontanato gli individui. La sicurezza e il comfort dei nostri clienti, dell’equipaggio e dell’aeromobile sono la nostra priorità». E pensate se non lo fossero stati…!

Credit immagini

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!