0 0

Quanto mi costi Milano: ecco la cifra media che sborsa uno studente fuori-sede in città

A Milano il boom di studenti fuori-sede ha portato molti a domandarsi quanto effettivamente possa costare un mese da studente nella terra promessa meneghina. 

Una domanda a cui due studenti del master della scuola di giornalismo Walter Tobagi della Statale hanno dato risposta: 985 euro.

È questo il risultato del sondaggio a cui hanno partecipato oltre 200 studenti iscritti alle varie università milanesi. Un’analisi che non considera esclusivamente elementi essenziali come affitto e cibo, ma che calcola la spesa mensile anche in termini di trasporti, libri, attività extra e svago. 

Manco a dirlo, il grosso di questi 985 euro viene speso per l’affitto di una stanza, singola (48%) o in condivisione (28%) che sia. Un costo medio di circa 410 euro mensili a cui si devono aggiungere molto spesso le bollette, quasi mai incluse, che comportano un ulteriore esborso di circa 46 euro. 

Ovvio, non si vive di solo alloggio, e la seconda categoria più ingombrante del budget è occupata dal cibo, prodotti per la casa e igiene personale. 142 euro mensili che, stando all’odore che a volte si respira in metropolitana, speriamo arrivino presto a 145. 

Per quanto riguarda le scelte per gli acquisti, poi, è il supermercato a farla da padrone con l’89% delle preferenze, distaccando così nettamente il discount fermo al 18%. 

Incredibilmente la spesa online non sembra decollare tra gli studenti (8%), battuta persino dal mercato (9%). Il piacere di sentire che faccio lascio? al banco salumi è qualcosa di davvero irrinunciabile. 

Seguono i trasporti, perché diciamocelo, vivere a Milano senza abbonamento Atm è come andare a caccia senza il fucile. I mezzi pubblici sono scelti da ben il 94% dei partecipanti al sondaggio, così come sono anche popolari le biciclette a noleggio (22%) e il car sharing (25%). 

Una spesa complessiva che si aggira intorno ai 27 euro mensili a cui possono però venirne aggiunti circa 32 euro se si sceglie di tornare a casa dai genitori più spesso. 

Purtroppo per studiare continuano a servire i libri e anche quelli non c’è verso che vengano forniti direttamente dall’Ateneo. 115 euro annuali che possono diventare 500 o 600 se hai la malsana voglia di studiare Medicina o Giurisprudenza. 

E per divertirsi? Preventivate almeno 200 euro al mese. La grande maggioranza degli intervistati si concede il lusso di una cena fuori almeno una volta a settimana, accompagnandola nel 90 per cento dei casi con un’ulteriore serata fuori. 

Per la vita notturna è il Pub a farla da padrone (80%), surclassando così sia il cinema (41%) che la discoteca (39%).

Vi ricordate quando da ragazzini i vostri genitori vi davano giusto i soldi dell’ingresso in discoteca per evitare vi sbizzarriste in una degustazione di sostanze proibite? 

Quei magici 20/25 euro con cui dovevi fare uscire: l’ingresso, un cocktail da offrire per fare il marpione, le sigarette, la benzina per il booster, il guardaroba… 

Figa, con 985 euro al mese avremmo ripianato il debito pubblico. 

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!