0 0

Vacanze milanesi: ecco le 5 zone preferite dai turisti per affittare il proprio alloggio

Se fino a qualche tempo fa era impensabile, ora è all’ordine del giorno. Ai turisti piace affittare a breve termine, e non parliamo delle classiche e spesso sopravvalutate camere d’hotel. Luglio e agosto sono – potremmo dire – la nostra alta stagione. A svelare le zone più gettonate e ricercate dai vacanzieri è la classifica stilata da The Best Rent che ne ha analizzato le richieste, focalizzandosi su zone e motivazioni.

Al primo posto le regine indiscusse della classifica sono le vie tra L’Isola e Moscova, che nonostante pompino i prezzi a bestia di anno in anno, continuano ad attrarre i turisti. Vita notturna, locali, collegamenti metropolitani ammaliano come sirene.

I Navigli – un evergreen ormai – fino alla zona di Sant’Ambrogio si piazzano in seconda posizione. Sanpietrini, palazzi d’epoca e locali in cui sbevazzare e fare ape piacciono molto. L’unico sbatti? La lontananza dalla metro. Suvvia, per due passi in più…!

Montenapoleone e Duomo presidiano la terza posizione grazie a negozi, boutique di lusso, ristoranti e mezzi di trasporto. La zona si differenzia per la tipologia di turista che decide di piantarvi le tende – pardon, valigie griffate – e Ferrari.

Rullo di tamburi per il quarto e quinto posto che, seppur vedendo il podio con il binocolo, mantengono alto il proprio onore. Parliamo della zona tra Crocetta – Porta Romana, ricca di aree verdi, vita notturna e quartieri nuovi di zecca come quello che ospita la Fondazione Prada, e l’area Stazione Centrale – corso Buenos Aires grazie a prezzi top, mezzi di trasporto in quantità e la passeggiata commerciale più lunga d’Europa. L’unica pecca, di cui anche i turisti si son resi conto, è il traffico.

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!