0 0

Sogno o son fresco? Hanno inventato la maglia con l’aria condizionata incorporata

Sebbene molti credano che i business man in giacca e camicia, anche con 43 gradi, siano sprovvisti di ghiandole sudoripare, l’anatomia umana e Sony ci rassicurano: anche loro pezzano come dannati. È per questo motivo, dall’esigenza di non andare in giro come se li avessero pucciati in una piscina pubblica, che nasce Reon Pocket.

Si tratta di un mini dispositivo da 85 grammi che funge da aria condizionata portatile e… indossabile! La sua tecnologia permetterebbe di raffreddare il corpo fino a circa 13 gradi Celsius in meno, semplicemente inserendolo in un’apposita tasca cucita sulla maglietta, alla base della nuca.

Il secondo step consiste nel connettere questo aggeggio via bluetooth a un’apposita app presente sul cellulare che funge da telecomando. Freddo o caldo? Dipende solo da voi. In inverno assicurerebbe ben 8 gradi in più. Una bella notizia per i freddolosi di turno.

Non si tratta di stregoneria, ma di termodinamica: tutto ciò sarebbe possibile grazie all’effetto Peltier, un principio utilizzato nella refrigerazione.

Per quanto riguarda la batteria – ricaricabile via usb type-c – di questa prima versione, la durata è di appena 90 minuti. In futuro immaginiamo che tale scoglio verrà superato.

Parliamo di una prima versione perché, inutile dirvi che l’idea è piaciuta così tanto da raggiungere subito, sulla piattaforma First Flight di crowdfunding Sony, l’obiettivo di 69 milioni di yen.

Insomma, verrà prodotto!

L’uscita di questo gioiellino è prevista per il prossimo marzo. Sfortunatamente per chi già lo bramava, sarà disponibile solo in Giappone. Il prezzo oscillerà tra i 100 e 160 euro ma ci sarà anche una versione più economica per pezzent… Pezzatori di tutte le tasche. E si spera, di tutto il mondo.

Credits immagini

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!