6 0

Il lavoro della vita? Fare il libraio alle Maldive

Dopo questa scoperta, il nostro interessamento per la mansione accarezzatore di divani sta seriamente vacillando. Il lavoro dei sogni è limpido e cristallino come il mare. Ha il rumore delle palme cullate della brezza marina e della carta sotto i polpastrelli delle dita. È brillante come solo i raggi del sole, in pausa pranzo su di un’amaca in riva al mare, possono essere.

Sole, cuore e libri: Ultimate Library, un’azienda che si occupa di fornire libri ad hotel, resort e spazi commerciali, è alla ricerca di un Barefoot Bookseller. Non è altro che un libraio con il compito di gestire il Pop-Up Bookshop, un temporary store sull’Atollo di Baa (Maldive). Inaugurato lo scorso dicembre, in seguito a una partnership con il resort a 5 stelle Soneva Fushi, lo store temporaneo ha subito conquistato i cuori dei turisti e ora necessita di un nuovo boss.

Per 6 mesi – con partenza a ottobre 2019 – questo venditore a piedi scalzi non prenderà certo la polvere e venderà solo libri, anzi! Oltre a farsi i fattacci propri nel tempo libero, a lui saranno affidati: la gestione del magazzino, pubblicazione di contenuti sul blog e sui social, workshop di scrittura e sessioni di biblioterapia per gli ospiti del resort.

Indispensabile per il candidato la conoscenza dell’inglese, dei social e avere esperienze pregresse nel mondo della vendita o pubblicazione di libri. Non è indicato il salario, ma perché non inviare qui comunque cv e lettera di presentazione? Avete tempo fino al primo settembre 2019!

A detta di Aimée Johnson, il primo libraio sui generis: «essere un Barefoot Bookseller è stato assolutamente un sogno, ho incontrato persone meravigliose, lavorato con libri incredibili e vissuto su un’isola lussuosa. Un vero lavoro dei sogni»!

Credit immagine, Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!