9 0

Autunno non ti temo: tutte le mostre d’arte in partenza in queste settimane a Milano

L’autunno è ufficialmente arrivato e nella nostra città ha portato una grande atmosfera artistica. Sono tantissimi, infatti, gli appuntamenti ai quali non potrete mancare se siete appassionati di arte e cultura. Da Picasso a Van Gogh, passando per Kandinsky e Marina Abramovich, ecco tutte le interessanti mostre che potrebbero riempire i vostri pomeriggi autunnali:

Giorgio De Chirico a Palazzo Reale, 25/09/2019 – 9/01/2020

Si tratta di un’esposizione dedicata all’ultima fase artistica del pittore Giorgio de Chirico. Una mostra che si sviluppa in otto sale, con un percorso espositivo fatto di accostamenti originali che ha l’obiettivo di svelare la complessità di uno dei protagonisti dell’arte del Novecento.

Guggenheim. La collezione Thannhauser, da Van Gogh a Picasso a Palazzo Reale, 19/10/2019 – 9/02/2020

Sempre nelle sale di Palazzo Reale andrà in scena un’esposizione di opere legate alla famiglia Thannhauser, direttamente dalla fondazione Guggenheim di New York. Una mostra che offrirà opere di artisti di calibro mondiale, da Renoir a Picasso, passando per Manet e Van Gogh, fino a Degas e Klee.

Impressioni d’oriente. Arte e collezionismo tra Europa e Giappone al Mudec, 01/10/2019 – 2/02/2020

Il Museo delle Culture di Milano sarà il palcoscenico di una mostra dal sapore tutto orientale. Un’esposizione che racconterà i tanti scambi culturali tra Giappone ed Europa attraverso una visione d’insieme di dipinti, stampe, sculture e oggetti d’arredo.

Filippo De Pisis al Museo del Novecento, 4/10/2019 – 1/03/2020

Oltre 90 opere di uno degli artisti più importanti del Novecento dell’arte ferrarese. Un percorso espositivo che mostrerà lo sviluppo nel tempo, dagli esordi fino agli anni ’40, del pittore metafisico.

The Kitchen. Homage to Saint Therese di Marina Abramović alla Pinacoteca Ambrosiana, 18/10/2019 – 31/12/2019

Torna a Milano l’autrice della Performance Art, Marina Abramovic, con una mostra imperdibile alla Pinacoteca Ambrosiana. La Cripta di San Sepolcro sarà il palcoscenico di 3 video che raccontano le performance di Marina Abramovic del 2009 nell’ex convento certosino di La Labroal a Gijon, in Spagna.

Canova. I volti ideali alla GAM, 25/10/2019 – 15/03/2020

La Galleria d’Arte Moderna di Milano vedrà una stagione autunnale tutta dedicata al maestro del neoclassicismo italiano, Antonio Canova. 30 opere che racconteranno l’evoluzione artistica dello scultore.

Una buona notizia arriva anche per chi non sa mai come trascorrere le domeniche. Molti musei della nostra città, infatti, aderiscono all’iniziativa italiana che prevede l’ingresso gratuito ogni prima domenica del mese.

Il Museo del Risorgimento, tra l’altro, con 14 sale dedicate proprio a questo importante periodo storico, è gratuito tutto l’anno.

Potrete, inoltre, visitare gratuitamente anche il Pirelli HangarBicocca, uno degli spazi culturali che meglio rappresenta l’arte contemporanea di Milano.

Se siete appassionati di poesia, potrete visitare gratuitamente anche lo Spazio Alda Merini. Si tratta di una casa-museo esclusivamente dedicata alla grande poetessa milanese. Un luogo in cui è possibile assistere a incontri e convegni e in cui potrete ammirare una ricostruzione della camera da letto di Merini.

Ma come sappiamo bene, Milano non è solo questo. La nostra città è anche un valido esempio di manifestazione della cosiddetta arte urbana. Sono tantissimi, infatti, i murales o gli affreschi che è possibile ammirare tra le strade. In Via Conchetta, ad esempio, potrete osservare la facciata del Centro Sociale Cox 18 dipinta dall’artista Blu. Poco distante, in Via Troilo, c’è un Murales realizzato dal Collettivo Orticanoodles per la Milano Music Week. 400 metri quadri in cui i due artisti hanno realizzato un cuore pulsante con una costellazione dedicata a tutti gli strumenti musicali del mondo.

Articolo scritto da Francesca Solazzo

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!