4 0

A Milano ha aperto un bar pieno di peluche da abbracciare per sconfiggere il male di vivere

Se a 13 anni scalpitavamo come pazzi per diventare grandi e andarcene via di casa più veloci di Vin Diesel in Fast and Furious, alla prima bolletta molti di noi si sono sicuramente pentiti di aver anche solo pensato di bruciare le tappe. Essere adulti è una gran fregatura, una truffa bella e buona. Meglio i dilemmi adolescenziali, l’apparecchio e le versioni di latino. Non è un caso che nel mercato spopolino oggetti per bambini grandi, come i libri da colorare con parolacce e tutti quei giochi che, almeno su carta, promettono di alleviare stress e tensioni.

A questi ora si aggiunge anche l’Hug Therapy: secondo i ricercatori dell’Università di Amsterdam, la terapia dell’abbraccio aiuterebbe a tenere sotto controllo e scaricate tutta la negatività che accumuliamo durante la giornata, ansie, depressione e stress compresi.

Credit immagine

Per farci sentire tre metri sopra agli sbatti, a Milano è quindi nato il primo negozio dedicato alla Hug Therapy dei peluche. Si tratta di Biancolatte Hugs: il concept store di via Turati, firmato Biancolatte, negozio milanese aperto da ben 11 anni.

Al suo interno, oltre alle meravigliose tinte pastello – che fanno subito fiaba – si possono trovare peluche di ogni tipo: dalla rana dandy, alla giraffa gigante situata all’ingresso, per finire con il coniglio bianco, la mascotte ufficiale del negozio. Tutti i morbidi amici presenti sono in cerca di free hugs, non siate timidi: ne gioverà la vostra salute, ma soprattutto, il vostro mood.

Lo store cavalca la tendenza amarcord che fa indossare a tutti i Peter Pan tra noi, pigiamini con gli orsetti – a 30 anni suonati – nella speranza di dimenticare fatture e mutuo almeno nel momento della nanna.

Tutto bellissimo, ma a furia di abbracci gli daranno poi una lavata a ‘sti pupazzi o no?

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!