3 0

C’è in ballo un progetto per trasformare Bovisa nella “nuova City Life”

Due Citylife is mejo che one, o almeno, questo è ciò che starebbe alla base del futuro riguardante la zona Bovisa: renderla a immagine e somiglianza dello chicchissimo, innovativo e moderno quartiere milanese. L’emendamento arriva dal consigliere di Forza Italia Alessandro De Chirico, ed è piaciuto così tanto da essere già stato approvato lo scorso mercoledì a Palazzo Marino.

Ma perché tra tutti i quartieri di Milano è proprio la Bovisa colei che è destinata a diventare la Citylife II? A dare una spiegazione più che esaustiva è il consigliere stesso: «è un quartiere in forte espansione dove però esistono ancora aree degradate che richiedono una riqualificazione. Questo necessita di investimenti di privati che possano dare uno slancio urbanistico come quelli sviluppati a CityLife e in Porta Nuova. L’emendamento vuole essere un incentivo in più per rendere anche Bovisa protagonista dello skyline di Milano con il programma Reinventing City».

Non solo, conclude De Chirico: «Il quartiere necessita di infrastrutture per sviluppare il polo universitario del Politecnico e di raccordo con la GFU Goccia. Penso a uno studentato, ma anche a servizi per residenti, studenti, docenti e personale che ogni giorno vive e lavora in quella zona. Oltretutto, con gli ipotetici oneri di urbanizzazione legati al progetto di crescita urbanistica si potrà realizzare la metrotramvia Villapizzone-piazzale Bausan – il cui costo preventivato si aggira intorno ai 6 milioni di euro -, ricucendo finalmente due quartieri della città. Va sottolineto infine che Regione Lombardia investirà nei prossimi 5 anni ben 90 milioni di euro per endere Bovisa ancora più connessa con la Lombardia».

La Milano del futuro – pare – sarà sempre più instagrammabile.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!