1 0

E voi lo sapete chi sono le Ragazze di Porta Venezia?

Se non avete la benché minima idea di chi siano e siete già pronti a sfoderare – nel 2019, cellulare da un millino alla mano – la frase sbeffeggioe chi sarebbero queste?, fermatevi subito: è il caso di googlare e mettere a tacere l’atteggiamento snob-gnorri. Sfoderate l’eco-fur e le Spike Runner 200, perché quando Myss Keta arriva in pista, la situa inizia.

«Il 19 ottobre 2015 un gruppo spregiudicato di ragazze portò disordine e scompiglio a Milano, nel tranquillo e colorato quartiere di Porta Venezia. Le ragazze, tutte diverse tra loro ma egualmente provocanti, diffusero la loro libertà nella città meneghina (e non solo) facendosi conoscere come le “Ragazze di Porta Venezia”. In questi anni le ragazze sono state tutt’altro che tranquille, crescendo in forza, numero e favolosità. Ora, a quattro anni di distanza dalla prima apparizione, le ragazze sono tornate. Ma è una storia vera o la leggenda?», si legge nel primo frame del video (che potete vedere qui).

A quattro anni di distanza dal primo video omonimo firmato dall’irreverente artista Myss Keta, conosciuta per le mise tutt’altro che timide, il volto coperto e le rime che le cantano a tutti, è uscito il sequel: Le Ragazze di Porta Venezia – The Manifesto, che, oggi come allora, ha la capacità di sconvolgere e aprire gli occhi sulle mille facce della nostra città. Perché Milano è anche questo.

Un po’ come il numero di stronze con le Jordan all’ombra della Madonnina, così le ragazze si sono moltiplicate: da 6 sono passate a 40. Come moderne guerriere Sailor, un po’ Regine della strada, un po’ front row in Fashion Week, rivendicano valori come libertà, sorellanza, girl power, queer culture.

Chiamata a raccolta da Myss Keta, infatti, c’è una sfilza di bambolone guidate dalla brama mosse dall’inerzia del mondo della musica e spettacolo: La Pina, Elodie, Priestess, Roshelle, Noemi, Joan Thiele, Victoria Cabello, Beba e Rossella Essence, Paola Iezzi, Lilly Meraviglia, Greta Menchi, Sofia Viscardi, Martina Dall’Ombra, elenasanfilippociccone_burritommeennssii, valentinadezanche,  colet_tinakhhaloanyotherbandbiancabagnolimuacristinabugattyCAZZURILLOserena_congiudaphnedaphnedaphnegiunglamusicstephanieglitterirenegraziosicuorepinilim_music,  laninadelsudultraposh94federicasotrueclarettataxyla_trapecinziatrituttotonnolattemiele_ (vi lasciamo i link Instagram, si sa mai che vogliate curiosare).

Visiera Dior, mascara che cola, t-short Burlon i tacchi diamanti come le stelle che sembra di stare a New York. E pensare che invece siamo solo a Milano.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!