0 0

Settembre 2019: è record di turisti a Milano, per la prima volta oltre il milione

Milano, in quanto a turismo, ha spaccato di brutto a settembre: lo scorso mese sono stati infatti registrati ben 1.028.013 visitatori nell’area urbana del capoluogo meneghino, cioè il 17% in più rispetto allo stesso periodo del 2018.

Non solo un grande risultato, ma un vero e proprio primato, dato che settembre 2019 sarà ricordato come il primo mese in cui si è superato il milione di turisti. Chiaramente si tratta di un momento particolare per la città, che arriva da un periodo di eventi mica da ridere, tra Fashion Week, Green Week, Calcio City, il vicino Gran Premio di Monza etc, senza dimenticare tutte le iniziative legate a Leonardo Da Vinci e le mostre in città; se le cose le fai bene, insomma, la gente arriva. E probabilmente torna.

Beppe Sala, giustamente, si è preso bene: «Un traguardo importante che conferma e rinforza la capacità attrattiva di Milano e ci rende particolarmente orgogliosi».

«Un risultato eccezionale — ha dichiarato Roberta Guaineri, assessora al Turismo — , che premia l’impegno del Comune nel promuovere la città a livello internazionale, anche attraverso la nostra agenzia YesMilano. Milano oggi è tra le mete mondiali più ambite grazie alla collaborazione con privati e associazioni».

E com’è questo turista di settembre a Milano? Secondo le rilevazioni, per la maggior parte (317.053), si tratta di persone tra i 31 e i 45 anni, e ben il 50% è single (pari a 511.417).  

Intanto anche ATM ha beneficiato del momento, confermando di aver registrato un +4,7% di passeggeri, in particolare sulle linee della metropolitana.

Milano con il turismo, diciamolo, ci sa fare.

In fondo lo dice il proverbio: l’ospite è come il pesce, a Milano trovi quello migliore.

Credit immagine di copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!