2 0

Ora potete dormire nella casa in cui Harry Potter ha trascorso la sua prima infanzia

Destinazione: Lavenham, Contea di Suffolk, UK
Sistemazione: intero appartamento
Camere da letto: 2
Servizi: wifi, TV, camino, colazione all’inglese
Contatta l’host

È così che Airbnb, con una certa disinvoltura che potrebbe passare inosservata ai babbani, mette a disposizione dei viaggiatori per il proprio soggiorno la casa dove Harry Potter trascorse la sua primissima infanzia, a Goldric’s Hollow.

Era il 1997 quando Harry, figlio di Lily e James Potter, faceva irruzione nelle vite dei primi lettori britannici attraverso la penna della scrittrice J. K. Rowling, per poi trasformarsi, attraverso una saga dispiegatasi in 10 anni, 7 volumi e film per il cinema, nel protagonista di uno dei maggiori successi editoriali di sempre.

La caratteristica struttura architettonica di epoca medioevale scelta per la trasposizione cinematografica dell’opera della Rowling, da cui lei stessa si dice abbia tratto ispirazione per i romanzi, si chiama De Vere House e sorge nel piccolo villaggio medioevale di Lavenham. La casa, proprietà privata, ha oggi però aperto i battenti anche ai seguaci del turismo harrypottiano, destinando un’ala dell’edificio agli ospiti che desiderano immergersi negli albori dell’occhialuto maghetto. E possono farlo semplicemente attraverso una prenotazione su Airbnb.

L’alloggio offre due stanze da letto con relativi servizi, un salotto con camino, cucina, sala da lettura e un delizioso giardino privato dove godere della colazione – ovviamente all’inglese – compresa nel prezzo, che si aggira intorno alle 110 sterline al giorno (circa 130 euro).

E allora: cappello, paiolo e bacchetta in mano, si va a dormire a casa Potter, occhio però, ché se ne potrebbe uscire con qualche cicatrice di troppo.

Articolo scritto da Maria Teresa Falqui

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!