1 0

Rubano i Rolex ma perdono il cellulare: restituiscono gli orologi per riaverlo. Denunciate

Un po’ come i motociclisti della domenica che con 10 gradi pretendono di farsi la Laghi con giacca a vento e scarpetta da ginnastica, ci sono ladri che bhé, farebbero meglio a prendere davvero in considerazione un eventuale piano B. È il caso delle due sudamericane che si sono improvvisate Margot, finendo per fare una figura che in comune con la famosa ladra ha solo l’iniziale.

Il piano era semplice e sarebbe dovuto filare liscio come l’olio, da manuale insomma. Con una tecnica collaudata – aka avances – si sarebbero infilate nella borsetta i Rolex di due giovani malcapitati. Ed eccole, dunque, partire all’attacco. Verso le 5 di mattina di sabato 30 novembre, però, complice forse un calo di adrenalina e le prime luci dell’alba, le due donne hanno commesso un errore madornale.

Mentre sfilavano ai ragazzi di 31 e 32 anni i loro preziosi orologi – in via Molino delle Armi – nella foga hanno infatti perso un cellulare sul luogo del furto. Le due donne si sono dunque dette che l’unica cosa da fare fosse chiamare per farselo restituire da qualche passante di buon cuore. Peccato per loro che fosse finito nella mani delle vittime.

Quest’avvincente storia si conclude con uno scambio di oggetti degno solo dei film hollywoodiani. Avete presente, luogo prestabilito, borsone stracolmo di denaro e ostaggio? Accanto a un’edicola della zona, concordata in precedenza durante la chiamata, i due hanno lasciato il cellulare e recuperato gli orologi, tutto nel più completo riserbo.

Le ladre improvvisate se ne sono dunque tornate a casa con coda tra le gambe, orgoglio ferito, cellulare e… un’indagine della Polizia. Sull’accaduto, infatti, nessuno intende chiudere un’occhio. Questa si che è una walk of shame.

Credit immagine copertina

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!