1 0

Scambiano bandiera dei pirati per quella dell’Isis e chiamano il 112

Houston abbiamo un problema… O forse no.

Qualche giorno fa in via Edison a Sesto San Giovanni è accaduto qualcosa di veramente surreale: qualcuno ha“esposto la bandiera dello Stato islamico, Isis”. Almeno questo è ciò che è stato segnalato da alcuni residenti allarmati che hanno subito chiamato il 112.

A causa dei recenti avvenimenti in Iraq e Iran e la possibilità di un’incombente World War 3, i cittadini non hanno speso nemmeno una frazione di secondo in più per accertarsi di ciò che effettivamente sventolava dal balcone incriminato. Sul posto, infatti, una volta arrivati i carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile, è risultato essere tutto un gran malinteso. Una bambina di 11 anni aveva esposto la bandiera nera dei pirati, raffigurante il Jolly Roger – il simbolo noto a tutti -, composto da un teschio e due ossa incrociate. Nessun simpatizzante pro terroristi, dunque.

A quanto pare non è la prima volta che qualche vicino di casa viene tratto in inganno da una bandiera, segno che forse un controllino oculistico ogni 6 mesi è più che d’obbligo, così come una dose di ansiolitici. Nel 2015, a pochi giorni dagli attentati a Parigi, a Fidenza alcuni residenti avevano scambiato la bandiera degli All Blacks (nazionale di rugby neozelandese) per quella del Califfato. Stessa solfa nel 2017, quando un cittadino italo-svizzero residente a Zurigo era stato minacciato e insultato per aver esposto sul tetto di casa una bandiera nera con scritta bianca. Peccato si trattasse del whiskey Jack Daniel’s!

Credit immagine copertina

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!