0 0

Alle porte di Milano si terrà la prima tappa del torneo di Monopoly con pedine a grandezza naturale!

Destinazione ambita: Parco della Vittoria, possibilmente passando per Viale dei Giardini. Se codesti luoghi evocano qualcosa nei vostri ricordi o ancora fanno parte del vostro linguaggio quotidiano, bè, allora l’evento di cui stiamo per parlarvi non potete proprio perderlo. Si tratta nientemeno che del Torneo Nazionale di MONOPOLY (o Monopoli con la “i”per gli 80’s) con pedine a grandezza umana, competizione a tappe sul territorio che vedrà il suo primo scontro aprirsi a pochi passi da Milano.

L’appuntamento è per il 18 gennaio – fino al 26 – al Centro di Arese, dove tra una puntata da Primark e l’altra, sarà possibile cimentarsi in una sfida del grande classico che ormai da più di 80 anni appassiona intere generazioni di giocatori da tavolo.

Cinque le postazioni previste per la gara, con pedine a grandezza naturale sorvegliate da una clessidra che cronometra in 30 minuti il tempo di ciascuna sfida, aperta da un numero minimo di due giocatori in su. Il torneo sarà articolato in una prima fase di play-off dal 18 al 24 gennaio, e una seconda con le finali che si disputeranno nel weekend del 25 e 26 gennaio. Chiunque potrà partecipare, dagli 8 anni d’età, previa iscrizione presso l’apposito desk posto al piano terra del centro commerciale e aperto con questi orari: sabato 18 e 25 gennaio e domenica 19 e 26 gennaio dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 20:00; da lunedì 20 a venerdì 24 gennaio dalle ore 16 alle ore 20.

Se vi accontentate di un bell’attestato di partecipazione da appendere a scelta sulla testata del letto o sulla parete della scrivania in radica dello studio, allora potete anche non vincere, ve lo danno anche se doveste finire in prigione. Ma se puntate in alto ed evitate imprevisti o probabilità, vi portate a casa una versione pocket del celebre gioco di Hasbro!

Articolo scritto da Maria Teresa Falqui

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!