0 0

Fermi tutti: hanno inventato una poltrona da ufficio per lavorare sdraiati

Fatturare è bello. Non è che sia solo bello, è il credo indiscutibile di ogni Imbruttito degno di questo nome, l’alpha e l’omega nella lotta al Giargianesimo

Detto questo, però, c’è un grande nemico che troppo spesso ci aspetta in ufficio impedendoci di raggiungere indisturbati i nostri sogni di fatturazione: la sedia del desk.

Noi che su quella sedia abbiamo assunto le posizioni più disparate, posizioni che ci avrebbero garantito in scioltezza la medaglia d’oro di ginnastica scomposta, ben sappiamo come la scrivania possa diventare un sadico strumento di tortura. 

Proprio per porre fine a questo supplizio, un’azienda californiana (Sonoma) potrebbe aver trovato la soluzione del secolo: una postazione da ufficio perfettamente ergonomica per seder… sdraiarsi in ufficio. Come sdraiarsi? Sì, sdraiarsi. 

A metà strada tra il lettino del dentista e il sedile di un astronauta, la Signature Altwork Station è la postazione da ufficio che punta a rivoluzionare il mercato del lavoro. 

Negli uffici del futuro saremo tutti sdraiati, con la schiena perfettamente allineata e con il vago sospetto che il monitor sospeso sopra le nostre brutte facce ci precipiti addosso prima della pausa caffè. 

Certo, il futuro da sempre si paga a prezzo salato, e questi 7,650$ sembrano un tantino eccessivi considerato che il dentista e le otturazioni non sono neppure incluse nel prezzo.

Suvvia, non vogliamo fare i guastafeste. È pur sempre vero che con i soldi spesi in fisioterapia e massaggi da quando avete iniziato a lavorare avreste potuto comprarvi Messi.

Un’unica perplessità: io che, prima da studente e poi da lavoratore, mi sono addormentato sul banco, sulla scrivania, in piedi, seduto, appoggiato alla cattedra, all’intervallo, nella pausa caffè e al bagno, quante probabilità avrei di addormentarmi prima che il mio computer abbia finito di accendersi?

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!