2 0

Il sushi d’oro è l’ultima tendenza per gli amanti della cucina giapponese e sì, potete provarlo a Milano

Quando si tratta di cibo, le novità e le stranezze sembrano non finire mai. Per gli amanti della cucina giapponese – che ormai di diritto si è inserita nelle preferenze gastronomiche degli italiani – l’ultima frontiera è il sushi d’oro.

L’idea nasce a Porto Cervo, dallo chef Roberto Okabe, che ama definirsi animato da “Hardware giapponese, Software brasiliano”, perché nato a San Paulo da genitori giapponesi. Nel suo Finger’s Garden, con sede anche a Milano e Roma, oggi è possibile ordinare sushi e sashimi d’oro.

Un’idea nata per soddisfare la richiesta di un ricco cliente che voleva una cena con elementi d’oro, che ha spinto lo chef a ideare un menù a base di sushi con foglie d’oro all’interno di ogni piatto.

Piatti che oggi chiunque può ordinare. E no, non si tratta di scelte fuori dalla portata della maggior parte di noi, purché si rinunci alle classiche abbuffate tipiche degli All you can eat. Un piatto con 3 nighiri luccicanti, infatti, costa circa 30 euro, anche se il prezzo varia a seconda degli ingredienti.

E se siete amanti del sushi fai da te, rinunciate subito all’idea di farlo a casa. L’oro, per essere commestibile, necessita infatti di un trattamento particolare. Non vi basterà grattugiare il vostro vecchio braccialetto della comunione…

Articolo scritto da Francesca Solazzo

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!