0 0

Essere geni a 6 anni: a Milano il primo centro in Italia che segue i nani super intelligenti

Dove va a scuola un potenziale futuro Imbruttito? Come si aiuta nella formazione un nano plusdotato? La risposta è scontata, eppure è proprio quella: a Milano.

Abbiamo scoperto che in città esistono le due (uniche) sedi italiane di un serissimo centro psicologico e logopedico che si occupa di certificare e seguire i casi di plusdotazione o, meglio, di alto potenziale cognitivo, fornendo strumenti utili alle famiglie e ai loro baby gifted per la crescita, quando questa si sviluppa con estrema precocità. Si chiama Amamente e accoglie piccoli genietti dai 6 anni in su che, sempre in maggior numero, si presentano a chiedere sostegno e supporto nei centri di via Calvi 5 e viale Monza 91 accompagnati dai loro genitori, spesso più turbati che non orgogliosi da queste attitudini di cui i piccoli sono evidentemente dotati.

Come spiega la Dr.ssa Anna La Guzz di Amamente, la loro richiesta primaria è sempre quella di un ausilio per creare un corretto rapporto di interazione con i figli; spesso, infatti, raccontano “di esser stati rimproverati dagli insegnanti perché colpevoli di aver assecondato troppo la loro necessità di imparare” e che, dato che gli educatori non sempre “riconoscono la plusdotazione, pensano di aver a che fare con uno studente un po’ troppo curioso per la sua età”. In realtà questo comportamento è considerato assolutamente controproducente, tanto da generare, in alcuni casi, difficoltà che possono portare all’abbandono scolastico.

Questa condizione, non a caso, è molto frequente tra i cervelloni di cui un buon 63% non riesce a raggiungere il successo negli studi. Lo sottolinea la ricercatrice e docente universitaria Joyce VanTassel-Baska che fa riferimento anche a una specifica normativa secondo la quale qualsiasi “deviazione dalla norma che implichi necessità particolari di insegnamento per garantire un apprendimento significativo” è da considerarsi un BES, un bisogno educativo speciale.

Questa attività, dunque, ha un valore inestimabile per la crescita dei piccoli dalla grande intelligenza, affinché diventino adulti capaci e in grado di sfruttare a pieno le proprie potenzialità, se correttamente guidati. Conclude la Dr.ssa La Guzz: “Si parla di plusdotazione da così poco tempo che per il momento è impossibile anche avere delle statistiche accurate sul fenomeno in Italia e in Lombardia. Siamo consapevoli di aver aperto una strada, almeno nel nostro Paese. Conciliare un QI di 130 alla vita di un ragazzino non è facile, ma noi vogliamo raccontare che non è impossibile”. E noi ci auguriamo che questa prima esperienza milanese, che si conferma un passo avanti nell’attenzione a tematiche delicate, possa esser la spinta per nuove iniziative nel resto del nostro Paese.

Articolo scritto da Maria Teresa Falqui

Commenti Facebook

Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!