0 0

Milano ai tempi del Coronavirus: tutti i provvedimenti in città

Quello che stiamo vivendo in città (e in molte regioni del Nord Italia), non è un lunedì come tutti gli altri. Mentre scriviamo – ma il numero è in continuo aggiornamento – sono quattro le persone decedute nel nostro Paese a causa del Coronavirus, e oltre 200 gli individui contagiati. Una situazione delicata che ha costretto il Governo e le regioni colpite, tra cui la Lombardia, a prendere drastici provvedimenti al fine di contenere il contagio.

Cosa prevede per Milano l’ordinanza emessa dal Presidente di Regione Attilio Fontana valida dalle 18 di domenica sera fino a domenica 29? Cerchiamo di spiegarlo facile-facile qui di seguito.

  • la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico;
  • sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per gli anziani ad esclusione degli specializzandi e tirocinanti delle professioni sanitarie, salvo le attività formative svolte a distanza;
  • sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura;
  • sospensione di ogni viaggio d’istruzione, sia sul territorio nazionale sia estero;
  • bar, locali notturni e qualsiasi altro esercizio di intrattenimento aperto al pubblico sono chiusi dalle ore 18.00 alle ore 6.00;
  • per gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati è disposta la chiusura nelle giornate di sabato e domenica, con eccezione dei punti di vendita di generi alimentari;
  • per le manifestazioni fieristiche, si dispone la chiusura.

Per capirci: scuole chiuse e nani a casa – ma questo probabilmente lo sapevate già -, cinema, teatri, musei, università serrati e manifestazioni ed eventi sportivi rimandati.

Rimarrà chiuso, fino al 25 febbraio, anche il Duomo di Milano.

Saranno invece aperti gli uffici pubblici e la metropolitana, con orario regolare, oltre a ristoranti, negozi e attività commerciali, mentre i bar potranno rimanere aperti solo dalle 6 alle 18 per evitare assembramenti serali.

Infine, alcune semplici – ma mai così importanti – raccomandazioni:

– Lavatevi spesso le mani o utilizzate prodotti a base alcolica per pulirle;
– Evitate i contatti ravvicinati con le persone che soffrono di infezioni respiratorie;
– Non toccatevi gli occhi, naso e bocca con le mani;
– Coprite naso e bocca se starnutite o tossite;
– Non prendete antivirali o antibiotici se non prescritti;
Contattate i numeri 800.89.45.45 e 1500 per informazioni, o il 112 se avete febbre o tosse con il timore fondato di aver avuto contatti con persone contagiate. Insomma, evitiamo di prendere d’assalto le linee lasciandole libere per chi ha davvero bisogno.

Vi terremo aggiornati.

Commenti Facebook


Il Milanese Imbruttito

Una pagina Facebook che nasce dopo un’attenta e imparziale osservazione della città, delle sue abitudini, del suo linguaggio e delle diverse tipologie umano/metropolitane che vivono e lavorano a MILANO.

La chiave e il tono ironico/realista che ne caratterizzano i contenuti, la identificano come riferimento e testimonianza moderna delle dinamiche sociali e dei cambiamenti linguistici all’interno della città.

Il Milanese Imbruttito non è né in orario, né in anticipo, né in ritardo; è già lì!

Vieni a trovarci sui nostri social!